Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

DEMATERIALIZZAZIONE

Eni, due milioni di “webollette” consultate nel 2013

Sono 800mila finora i clienti che utilizzano il servizio online anche da tablet e smartphone, e i numeri sono destinati a raddoppiare nel 2014. L’azienda: “Aumenta l’autonomia e il controllo del cliente sulla propria spesa energetica, in un rapporto sempre più trasparente con il gestore”

29 Gen 2014

A.S.

800mila utenti hanno consultato nel 2013 oltre 2 milioni di bollette digitali, e le previsioni per il 2014 parlano del raddoppio di questi numeri.

“Il servizio, facile da usare e completamente gratuito – si legge in una nota di Eni Gas e Luce – è accessibile da tutti i canali digitali, comprese le App per smartphone e tablet ed il sito internet www.famiglia.eni.it.

La webolletta consente a tutti i clienti Eni di ricevere un sms e/o una mail, contenente la notifica della disponibilità della bolletta digitale, almeno 10 giorni prima rispetto ai normali tempi di consegna della posta cartacea, ovunque si trovino.

Oltre a visualizzare la propria bolletta e gestirne l’archivio, grazie a questa soluzione si può usufruire di “tutti i servizi online – spiegano dall’azienda – che Eni ha creato per semplificare la vita ai propri clienti”, come la possibilità di verificare l’andamento dei consumi attraverso grafici interattivi, inserire automaticamente in agenda la data dell’autolettura, pagare la bolletta on line con carta di credito o anche domiciliarne il pagamento, “senza bisogno di andare in banca o in posta, o parlare con un operatore”.

Eni, fra i primi in Italia – si legge nella nota – ha adottato lo standard bancario europeo Sepa (Single Europe Payments Area) per la domiciliazione delle bollette: i clienti, grazie a una soluzione interamente gestita internamente all’azienda, potranno richiedere, gestire e revocare la domiciliazione delle proprie bollette dialogando direttamente con Eni attraverso i molteplici canali di contatto che l’azienda mette a disposizione”.

“Con la webolletta e la domiciliazione bancaria per il pagamento delle bollette, aumenta l’autonomia e il controllo del cliente della propria spesa energetica, in un rapporto sempre più trasparente con Eni che, con queste iniziative, conferma l’obiettivo primario di soddisfare la propria clientela, offrendo servizi innovativi e canali di contatto che rendano la gestione della bolletta e dell’energia, sempre più semplice e trasparente”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
eni
S
sepa
S
smartphone
T
tablet

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link