Etica e tecnologia, Nokia firma un "patto" con l'Onu - CorCom

IL JOINT STATEMENT

Etica e tecnologia, Nokia firma un “patto” con l’Onu

Mille leader globali uniti in nome della cooperazione internazionale votata ad un futuro sostenibile. Pekka Lundmark: “Bisogna risolvere problemi reali e creare opportunità”

21 Set 2020

Patrizia Licata

giornalista

In tempi di radicale cambiamento e trasformazione globale la cooperazione internazionale diventa più che mai la chiave di volta per il progresso delle economie e delle società. È quanto si legge nel joint Statement firmato da oltre 1.000 Ceo globali tra cui il presidente e ceo di Nokia, Pekka Lundmark e che verrà consegnato al segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres durante le celebrazioni del 75mo anniversario dell’Onu.

La dichiarazione impegna i Ceo mondiali firmatari a perseguire un modello di leadership etica e buona governance, investire per ridurre l’ingiustizia e le disparità, e promuovere l’uguaglianza e il rispetto dei diritti umani.

“La tecnologia deve risolvere i problemi della società”

Lo Statement (“UN Global compact 2020, Uniting business for a better world”) afferma che la collaborazione internazionale deve essere mobilitata oltre ogni confine nazionale, ogni settore dell’economia e ogni fascia demografica. È uno sforzo collettivo e globale per reagire con successo alle sfide di un mondo nuovo, come ha sottolineato Lundmark.

“Il mondo si trova ad affrontare grandi prove, come il Covid-19 e il cambiamento climatico, e queste non si possono superare senza la cooperazione globale”, ha affermato il ceo dell’azienda finlandese. “Nokia crede in un sistema multilaterale in cui aziende, governi, organizzazioni e singoli individui lavorano tutti insieme in modo inclusivo e trasparente per trovare soluzioni e costruire un futuro più sostenibile per le persone e il nostro pianeta. Sono orgoglioso di firmare questo UN Global Compact statement. Nokia farà la sua parte assicurando che la tecnologia sia progettata per risolvere reali problemi della società e creare maggiori opportunità per tutti”.

I big delle Tlc e dell’hitech che hanno firmato

La dichiarazione è stata firmata anche da Börje Ekholm presidente e ceo di Ericsson, l’altro colosso europeo delle attrezzature di rete, e molte aziende del mondo delle Tlc e dell’innovazione tecnologica. Tra le altre figurano Accenture, Baidu, Fuji Xerox, Hitachi, Hewlett Packard Enterprise, Microsoft, Salesforce.com, Sap, SK Telecom e SK Innovation, Telefonica, Telia, Thales, Vodafone. Le firmatarie italiane sono Enel, Eni, Leonardo. Molte le utility e le società dei servizi che hanno firmato la dichiarazione congiunta. Numerose anche le Pmi.

Nokia azienda “etica”

WEBINAR
360On TV al centro della notizia. Nuovo Governo, la sfida: ricostruire l’economia italiana

Nokia, si legge in una nota dell’azienda di Espoo, lavora attivamente da tempo per dare sostegno alla realizzazione di un futuro più equo e sostenibile “costruendo una tecnologia che migliora la vita delle persone e permette di rendere il pianeta più pulito e vivibile”.

Le reti radio fornite da Nokia, sottolinea la nota, hanno supportato 6,4 miliardi di abbonamenti mondiali nel 2019. A settembre 2019, al summit delle Nazioni Unite sul clima, Nokia si è unita a un gruppo di 87 aziende impegnate a ricalibrare gli obiettivi sul clima in base alle più recenti evidenze scientifiche.

Nokia ha migliorato la connettività e la copertura nei mercati emergenti tramite nuove collaborazioni in Algeria, Aruba, Brasile, Egitto, Etiopia, Kenya, Malesia, Nigeria, Pakistan, Rwanda, Sudan, le Marianne, Tanzania, Tunisia, Uganda e Vietnam.

Quest’anno Nokia è stata inserita da Ethisphere, per il terzo anno consecutivo (2018-2020) e per la quarta volta in totale, tra le aziende più etiche del mondo (2020 World’s most ethical companies).

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

P
Pekka Lundmark

Aziende

E
ericsson
N
Nokia

Approfondimenti

C
covid-19
E
etica
G
governance
O
onu

Articolo 1 di 5