Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA LETTERA

Europee 2014: “Alla Ue serve un presidente digital”

In vista della tornata elettorale del 25 maggio i Digital Champions scrivono ai candidati al vertice della Commissione: “Dobbiamo tornare a crescere e creare occupazione. Banda larga, e-skills e start up i settori dove concentrare gli investimenti”

06 Mag 2014

F.Me.

Il prossimo presidente della Commissione europea dovrà essere un “digital president” e puntare alla massimizzazione delle nuove tecnologie per ridare stimolo all’economia. L’appello arriva in una lettera dei Digital Champions europei indirizzata ai 4 candidati: il conservatore Jean-Claude Juncker, il socialista Martin Schulz, il liberale Guy Verhofstadt, il verde Ska Keller e l’esponente della sinistra radicale Alexis Tsipras.

Nella missiva i rappresentanti digitali dei governi Ue evidenziano che non esiste una digital economy:- l’economia è di per sé digitale. “Internet e le comunicazioni digitali hanno trasformato le economie come accaduto nel XVIII secolo con la locomotiva a vapore e nel XIX con l’elettricità – si legge nella lettera – Il nuovo presidente della Commissione dovrà dunque razionalizzare il portfolio digitale e prendersi la responsabilità del successo in questo settore”.

Solo spingendo sul digitale l’Europa potrà tornare a crescere e creare occupazione. Tra il 2004 e il 2009, l’Ict ha contribuito a oltre il 20% della crescita economica dei paesi avanzati e, per il futuro, il comparto del digitale dovrebbe crescere sette volte più velocemente del Pil europeo. “In questo quadro è essenziale risolvere il problema della disoccupazione giovanile – precisano di Digital Champion – nonostante il record di disoccupati e inoccupati, le imprese faticano a trovare personale con adeguate competenze digitali. L’Europa deve colmare questo gap ed è per questo che il prossimo presidente della Commissione europea deve rafforzare la Grand Coalition for Digital Jobs“.

Ma le competenze da sole non bastano. “Un’economia competitiva non può basarsi su infrastrutture obsolete – ricordano – Stime parlano di investimenti per 200 miliardi di euro per raggiungere gli obiettivi fissati per la banda larga al 2020. Si tratta di un investimento che è alla base della crescita futura e della creazione di posti di lavoro, un investimento che non può più essere rimandato e che deve essere la priorità per il prossimo leader della Commissione europea”. In questo senso sarà necessario lavorare a stretto contatto con gli Stati membri e gli stakeholder per realizzare un calendario con risultati e scadenze concrete.

Sul fronte imprese, i Digital Champions evidenziano che quelle tecnologiche giocheranno un ruolo fondamentale per la ripresa economica e la creazione di posti di lavoro. Secondo l’Oecd, la maggior parte dei posti di lavoro saranno creati da aziende create da 5 anni o poco più. “La cosiddetta app economy da sola creerà 4,8 milioni di posti di lavoro entro il 2018 e triplicherà il fatturato da 17,5 miliardi a 63 miliardi. Il potenziale è, quindi, enorme e sarà compito della politica riconoscerne e valorizzarne l’importanza per creare economie moderne e dinamiche. E’ per questo che chiediamo di sostenere lo Startup Manifesto e di inserire le raccomandazioni in esso contenute nel vostro programma politico”.

La lettera è stata firmata da:

Gilles Babinet, Digital Champion of France

Paul-Andre Baran, Digital Champion of Romania

István Erényi, Digital Champion of Hungary

Ondřej Felix, Digital Champion of the Czech Republic

Jan Gulliksen, Digital Champion of Sweden

Stelios Himonas, Digital Champion of Cyprus

Gesche Joost, Digital Champion of Germany

Kęstutis Juškevičius, Digital Champion of Lithuania

Linda Liukas, Digital Champion of Finland

Włodzimierz Marciński, Digital Champion of Poland

António Murta, Digital Champion of Portugal

Tineke Netelenbos, Digital Champion of the Netherlands

Björn Ottersten, Digital Champion of Luxembourg

Darko Parić, Digital Champion of Croatia

Gergana Passy, Digital Champion of Bulgaria

Peter Pellegrini, Digital Champion of the Slovak Republic

Aleš Špetič, Digital Champion of Slovenia

Godfrey Vella, Digital Champion of Malta

Reinis Zitmanis, Digital Champion of Latvia

Articolo 1 di 5