Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

EDITORIA

Eutopia, nasce la prima webzine europea

Sarà diretta da Eric Joszef la nuova rivista online frutto della collaborazione di Laterza con altre prestigiose case editrici europee. Il dibattito sull’identità economica e politica dell’Europa alimentato da intellettuali del calibro di Zygmunt Bauman, Luciano Canfora, Paul Collier

10 Apr 2014

Lorenzo Forlani

Nasce oggi Eutopia, la prima webzine europea che affronta in maniera rigorosa, articolata ma accessibile al grande pubblico i temi essenziali per il futuro dell’Europa e degli europei. Eutopia nasce dalla collaborazione, unica nel suo genere, di quattro prestigiose case editrici europee: S. Fischer Verlag in Germania, Editorial Debate in Spagna, Éditions du Seuil in Francia, Editori Laterza in Italia e può contare sul sostegno di partner come Telecom Italia e l’Istituto europeo della London School of Economics, in qualità di Academic Partner. Responsabile del magazine è Eric Joszef, corrispondente in Italia della testata francese Libération.

La webzine è stata presentata a Roma, presso gli uffici della Casa editrice Laterza: al dibattito che ne è scaturito hanno partecipato Giuseppe Laterza, Marcella Logli, Eric Joszef, Lucio Caracciolo e tra gli altri Giuliano Amato, Tullio De Mauro, Andrea Giardina e Stefano Rodotà.

Autori come Zygmunt Bauman, Luciano Canfora, Paul Collier, tra gli altri, offriranno le loro riflessioni alla rivista, interpretando le questioni del nostro presente in chiave continentale, poiché l’Europa unita ha bisogno di un dibattito pubblico che vada oltre i confini nazionali. Eutopia è stata concepita, infatti, partendo dalla convinzione che manchi una cultura ed un approccio europeo alle grandi questioni. Con il processo d’integrazione politica europea in stallo, è impensabile, secondo gli ideatori della rivista, rilanciarlo senza la creazione di un’opinione pubblica europea. Occorre discutere quale Europa si vuole costruire e bisogna farlo in Europa, superando i limiti linguistici e culturali degli stati nazionali. Ed è proprio per abbattere le barriere linguistiche che Eutopia pubblicherà i suoi contributi – perlopiù di intellettuali e accademici – sia in lingua originale (quella in cui scrive l’autore) che in inglese.

Telecom Italia – rappresentata all’inaugurazione da Marcella Logli, Direttore Corporate Social Responsibility – ha partecipato sin dall’inizio all’implementazione del progetto Eutopia, mettendo a disposizione la tecnologia e l’esperienza umana. La potenza di connessione della Rete è, infatti, lo strumento che permette di condividere le eccellenze. Telecom Italia agisce in questo modo come parte attiva di questo progetto, anche attraverso la realizzazione del sito Eutopia e l’ospitalità sui propri server.

Ogni mese la rivista Eutopia si occuperà di una tematica legata alle priorità politiche europee. Il primo numero, informa Giuseppe Laterza durante l’inaugurazione, sarà incentrato sul tema dell’immigrazione e vedrà i contributi dell’economista Paul Collier, di giuristi come Costanza Margiotta, demografi come Ludger Pries e Kyoko Shinozaki e storici come Andrea Giardina. Nei numeri successivi si affronteranno i temi del welfare e della democrazia,dell’educazione e della cittadinanza. Ogni tema sarà illustrato da un servizio fotografico d’autore.

Argomenti trattati

Approfondimenti

L
liberation
M
marcella logli
T
telecom italia

Articolo 1 di 3