Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LAVORO

Exprivia, siglato accordo integrativo di secondo livello

Premio di risultato, flessibilità dell’orario di lavoro, formazione continua i pilastri del contratto approvato dal 90% dei lavoratori. Coinvolti i 1.700 dipendenti diretti

03 Gen 2019

Premio di risultato, flessibilità dell’orario di lavoro, formazione continua. Parte da quest’anno l’accordo integrativo di secondo livello siglato per la prima volta tra Exprivia, società del gruppo Exprivia-Italtel, e i sindacati.

L’accordo, illustra una nota della società, scadrà nel dicembre 2020 e interessa tutti i 1.700 lavoratori dipendenti diretti della società. E’ stato approvato dal 90% dei lavoratori e prevede un premio di risultato pari a un importo pro-capite fino ad 800 euro annui, incrementabile negli anni successivi al primo, convertibili, a scelta del lavoratore, in servizi di welfare e/o in azioni della società. A questo si sommano il miglioramento del trattamento economico di trasferta vigente; l’incremento della flessibilità dell’orario di lavoro, in ingresso e in uscita, e l’aumento della durata della pausa pranzo per favorire il contemperamento degli impegni professionali con le esigenze personali.

La misura si aggiunge all’iniziativa dello smart working già operativo. Per finire, l’accordo prevede la costituzione di un coordinamento sindacale come interlocutore della Direzione aziendale per la trattazione dei temi riguardanti la formazione professionale, la valorizzazione delle risorse umane e le pari opportunità, il welfare, lo smart working, la salute, la sicurezza e l’ambiente. ”Le aziende del settore Ict – commenta Domenico Favuzzi, presidente e amministratore delegato di Exprivia – dipendono molto dalla qualità e dal commitment delle risorse umane che vi lavorano e dalla loro capacità di adeguarsi alla forte trasformazione in atto. Il contratto integrativo, appena siglato, rappresenta l’inizio di un percorso di maggiore condivisione degli obiettivi aziendali con tutti i nostri dipendenti”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4