POST COVID-19

Facebook in soccorso delle Pmi, sul piatto 2 milioni

Il programma di sovvenzioni assegnerà contributi economici e crediti pubblicitari ad oltre 580 aziende operanti a Roma e Milano. Colombo: “La trasformazione digitale del business leva strategica”

29 Set 2020
facebook-revenge-porn-170405171635

Le Pmi italiane in sofferenza per gli effetti della pandemia. Una recente indagine Global State of Small Business Report, condotta da Facebook insieme all’Ocse e alla Banca Mondiale, ha rivelato che il flusso di cassa è una preoccupazione per la maggior parte delle Pmi.  Il 66% delle Pmi Italiane ha subito un calo delle vendite rispetto allo stesso mese dello scorso anno e il 27% ha ridotto il numero di dipendenti a seguito della pandemia di Covid-19.

In questo contesto si inserisce il programma di sovvenzioni da 2 milioni per le Pmi lanciato da Facebook. Si tratta di una combinazione di contributi economici e crediti pubblicitari per aiutare 582 aziende – il progetto è rivolto a quelle operanti a Roma, Milano e zone limitrofe – a riavviare, ristrutturare e risanare la propria attività in questo anno difficile. Il social punta a supportare le spese essenziali delle aziende (come tenere le luci accese e pagare i dipendenti) e fornire crediti pubblicitari per aumentare il fatturato tramite il marketing e le vendite online.

“La crisi da Covid-19 è molto di più di una crisi di salute pubblica, è una profonda crisi economica – ha dichiarato Luca Colombo, Country Director di Facebook Italia – Le piccole imprese sono state duramente colpite e siamo consapevoli che hanno bisogno di liquidità, formazione e supporto alla digitalizzazione, poiché le abitudini di acquisto dei consumatori si stanno spostando sul digitale. In Italia, infatti, durante questi ultimi mesi, il 48% delle persone ha incrementato gli acquisti online, e il 20% delle Pmi attive su Facebook ha dichiarato che nell’ultimo mese oltre il 50% del proprio business è stato realizzato esclusivamente attraverso i canali digitali. Trasformare il proprio business dal punto di vista digitale diventa quindi una priorità che non deve essere ignorata per poter superare la crisi e intraprendere la ripresa”.

Le candidature al programma sono aperte da oggi e le imprese che hanno i requisiti possono fare domanda alla  pagina web di Facebook dedicata alle piccole imprese.

Non si tratta della prima iniziativa a sostegno delle piccole e medie aziende. In Italia il social ha recentemente annunciato la seconda fase di #piccolegrandimprese, il programma lanciato a luglio 2020 per supportare la ripresa e la trasformazione digitale delle piccole imprese in Italia.

Da settembre fino a fine dicembre 2020, #piccolegrandimprese si arricchisce di “Facebook Business Open Days”, webinar gratuiti mensili, con live-chat con gli esperti di Facebook e dei partner Shopify, Talent Garden e Freeformers, a cui le Pmi interessate potranno partecipare registrandosi direttamente dall’hub online.

Nel mondo sono più di 180 milioni le aziende nel mondo – 25 milioni solo in Europa – che utilizzano le app di Facebook ogni mese per entrare in contatto con i propri clienti e per continuare a crescere.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

L
luca colombo

Aziende

F
facebook

Approfondimenti

P
pmi
P
post-covid19

Articolo 1 di 5