IL CASO

Facile Ristrutturare e Renovars, multa da 4,5 milioni per false recensioni online

L’Antitrust: violato il Codice di consumo. Su Trustpilot e Opinioni.it pubblicati commenti non autentici riconducibili alle due società. Nel mirino anche i costi occulti applicati in caso di Iva agevolata al 10% invece che al 22%

Pubblicato il 28 Dic 2023

Patrizia Licata

ANTITRUST

L’autorità Antitrust italiana, Agcm, ha sanzionato per complessivi 4,5 milioni di euro Facile Ristrutturare e la sua controllante Renovars per pratiche commerciali scorrette e ingannevoli nell’attività di ristrutturazione edilizia di immobili residenziali.

Secondo l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (SCARICA QUI IL PROVVEDIMENTO COMPLETO) le società hanno diffuso false recensioni online. Dall’istruttoria è emerso anche che, in alcuni casi, le società applicavano un costo occulto in caso di Iva agevolata al 10%, invece che al 22%.

L’Antitrust sanziona Facile Ristrutturare

Il provvedimento riguarda, in primo luogo, la diffusione – sulle piattaforme di recensioni online Trustpilot e Opinioni.it – di giudizi positivi non autentici perché riconducibili ai collaboratori di Facile Ristrutturare, e del messaggio “98% clienti soddisfatti”, risultato falso, alla pagina https://promo.facileristrutturare.it/ristrutturazioni-chiavi-in-mano-preventivo-gratuito/: tutto ciò per accreditare un livello di soddisfazione dei clienti maggiore di quello reale in relazione ai servizi offerti.

LIVE STREAMING 20 marzo
Industry4.0 360SummIT: l'innovazione come leva contro l'incertezza. Ti aspettiamo online!

Secondo l’Autorità, Facile Ristrutturare e Renovars hanno violato gli articoli 20, 21 e 22 del Codice del consumo per la diffusione online di recensioni non autentiche e di un dato falso sulla percentuale di clienti soddisfatti dai servizi offerti e per omesso controllo sull’attività dei propri collaboratori.

Recensioni false e costi occulti

Dall’istruttoria è emerso, inoltre, che Facile Ristrutturare applica un costo occulto ai consumatori in caso di Iva agevolata al 10%, invece che al 22%, quando i materiali di finitura per le ristrutturazioni vengono da essi acquistati tramite Facile Ristrutturare e presso i suoi fornitori partner.

Inoltre l’applicazione di un costo occulto in caso di acquisto di materiali per le ristrutturazioni tramite Facile Ristrutturare con Iva agevolata, oltre ad essere contraria alla diligenza professionale, può indurre in errore i consumatori sul prezzo dei materiali di finitura per la ristrutturazione e/o sul modo in cui è calcolato. Si tratta peraltro di una voce di costo rilevante per la scelta di natura economica del consumatore.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Argomenti trattati

Aziende

A
Agcm

Approfondimenti

A
Antitrust
R
recensioni false
S
sanzioni

Articolo 1 di 5