Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Fake news, via alla task force Ue: “Stop alla disinformazione”

In calendario lunedì 15 gennaio la prima riunione dei 39 esperti che aiuteranno la Commissione a mettere in campo azioni ad hoc. Per L’Italia presenti il docente della Bocconi, Oreste Pollicino, i giornalisti Gianni Riotta e Federico Fubini e la manager Mediaset, Gina Nieri. La commissaria Gabriel: “I cittadini europei hanno diritto a una corretta informazione”

12 Gen 2018

F. Me.

La Ue in campo contro le fake news. La task force, istituita per fornire consulenza alla Commissione su come contrastare la diffusione della disinformazione online, si riunirà per la prima volta il prossimo lunedì 15 gennaio alle 10:00. Si tratta di un gruppo di 39 esperti – per l’Italia sono presenti Oreste Pollicino , docente della Bocconi, e il giornalista Gianni Riotta – contribuirà all’elaborazione di una strategia dell’Ue per combattere questo fenomeno, che sarà presentata nella primavera del 2018.
Presieduti da Medeleine De Cock Buning, docente dell’università di Utrecht, gli esperti forniranno elementi alla Commissione per determinare la portata del fenomeno della disinformazione, definire i ruoli e le responsabilità delle parti interessate, comprendere la dimensione internazionale, fare il punto delle posizioni espresse e formulare raccomandazioni.
“La scelta dei membri del gruppo assicura un’ampia partecipazione degli esperti, una rappresentanza geografica equilibrata, parità di genere e un punto di vista equilibrato sia delle piattaforme dei media sociali e delle organizzazioni del settore dei media, che delle organizzazioni della società civile e degli esperti, quali giornalisti e rappresentanti del mondo accademico”, spiega la Commissione. 
Su incarico del Presidente Juncker, la Commissaria Mariya Gabriel ha avviato l’iniziativa a novembre 2017 insieme a una consultazione pubblica aperta fino al 23 febbraio.
“La difesa del diritto dei cittadini a informazioni di qualità, una pietra angolare delle nostre democrazie, è al centro delle mie azioni – commenta la commissaria all’Econimia digitale, Mariya Gabriel – Desidero avviare un dibattito ampio e aperto sulle notizie false per affrontare questo fenomeno complesso e superare le sfide che ci attendono”.
Per l’istituzione del gruppo, la Commissione ha lavorato in stretto contatto con la task force East Stratcom del SEAE, istituita dall’Alto rappresentante/Vicepresidente Federica Mogherini nel 2015 per contrastare le attività di disinformazione condotte da attori esterni.
 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5