JOBS

Federprivacy al Garante: “Servono regole a tutela dei lavori digitali”

Con la disoccupazione al 12,8%, la svolta potrebbe venire dal mercato digitale che produrrà fino a 700.000 posti. Ma problemi arrivano dalla mancanza di una disciplina adeguata. “Prevedere un Privacy officer in aziende ed enti che trattano dati sensibili”

12 Feb 2015

F.Me.

Servono regole per tutelare la privacy dei lavoratori ai tempi del digitale. Lo sottolinea Federprivacy secondo cui a disciplina in materia di protezione dei dati, il nostro legislatore “si trova ormai da tre anni in stato di quiescenza aspettando l’approvazione del nuovo Regolamento Ue, che pur essendo prevista quest’anno, necessiterà poi di ulteriori due anni per vedere la sua piena applicazione”.

E pure la crescita dei lavori “innovativi” è evidente. Secondo le stime di Confindustria Digitale, varrebbe 6,6 punti di Pil italiano la svolta del mercato digitale, generando 700.000 posti di lavoro nei prossimi cinque anni, con i primi effetti già nel 2015. A confermare queste previsioni, è anche l’Osservatorio Infojobs, secondo cui il 23% delle offerte di lavoro di quest’anno si concentrerà sui campi di Internet e dell’ informatica. D’altra parte, la carenza di regole e normative adeguate rischia di compromettere queste opportunità per risollevare l’economia e l’occupazione nel nostro Paese.

Per Federprivacy qualche segnale positivo ultimamente c’è stato con la riforma delle professioni non organizzate in ordini e collegi attuata con la Legge 4 del 2013, che ha finalmente concesso alle associazioni professionali la possibilità di autoregolamentarsi, ed anche le certificazioni basate sulla norma internazionale Iso 17024 sono sempre più utilizzate dai professionisti per dimostrare le proprie competenze.

LIVE STREAMING 11 GIUGNO
Security Intelligence: investire in sicurezza per prevenire i rischi
Intelligenza Artificiale
Sicurezza

“Nei prossimi 12 mesi permetteremo a 1.000 professionisti di dotarsi di credenziali documentate mediante gli attestati di qualità rilasciati ai sensi della Legge 4/2013, ed i certificati basati sulla Norma Iso 17024 emessi dal Tüv Examination Institute come organismo di certificazione di terza parte – spiega Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy – Tuttavia, con l’arrivo del regolamento europeo, il mercato potrà richiedere trai 25.000 ed i 70.000 privacy officer. Nonostante i numeri ci diano ampia soddisfazione per quel che riguarda il nostro operato, questo significa d’altra parte che gli sforzi da noi compiuti per dare trasparenza e credibilità alla categoria professionale rappresentano purtroppo una goccia nel secchio rispetto al reale fabbisogno.”

Per sfruttare al meglio le opportunità, a detta di Federprivacy, che verranno dal mercato digitale, servono quindi misure adeguate per garantire la trasparenza e la qualità delle attività svolte dai professionisti dell’era di Internet. Una proposta che farebbe chiarezza sulle professioni del settore, dando al tempo stesso maggiori tutele ai cittadini sul rispetto della loro privacy, viene dal presidente dell’Istituto Italiano per la Privacy, Luca Bolognini: “Se il nostro Garante Privacy prescrivesse in via generale la necessità di un responsabile privacy per ogni struttura con dati sensibili, come già fece con il provvedimento sugli Amministratori di Sistema, non servirebbe neanche aspettare l’avvento del Regolamento europeo. Il Privacy Officer, già previsto a vario titolo in diversi Paesi del mondo, inclusa la Germania – spiega Bolognini – darebbe maggiore garanzia sulla tutela aziendale delle informazioni. Facciamo appello alla nostra Autorità affinché preveda questa figura almeno per i casi più delicati, e pensiamo ad esempio a settori come la sanità digitale, il Big Data analytics, il marketing e i trattamenti di dati di minori”.

L’economia digitale potrà pertanto dare un contributo decisivo per il rilancio del mercato del lavoro, ma spetta alle istituzioni il compito di creare le giuste condizioni per coglierne le opportunità, stabilendo al tempo stesso le regole necessarie ad evitare che si venga a creare una sorta di “mercato selvaggio” delle professioni.