Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Fiat battezza il software per la gestione “green” delle flotte

Atteso il 26 febbraio il debutto sul mercato di Ecodrive Fleet che promette di tagliare del 15% consumi di carburante ed emissioni di CO2

23 Feb 2010

Debutterà sul mercato il 26 febbraio Ecodrive Fleet, il software
messo a punto da Fiat in collaborazione con Eni e Bosch, per la
gestione ecosostenibile delle flotte.

Evoluzione "green" della piattaforma Ecodrive, il nuovo
gestionale funziona grazie all’interfaccia Blue&Me – la
piattaforma telematica di bordo sviluppata da Fiat insieme con
Microsoft – che permette di rilevare i consumi dei veicoli
attraverso una centralina intelligente di bordo. Duplice la
"mission" di Ecodrive: da un lato la piattaforma permette
l'analisi di parametri quali km, tragitti, tempi di percorrenza
e consumi, anche e soprattutto in maniera integrata, e
dall'altro le informazioni servono a pianificare politiche o
azioni ad hoc per abbattere consumi e sprechi.

Ad esempio, attraverso il computer di bordo ciascun conducente può
ottenere in tempo reale informazioni sulla "qualità"
della guida: e il software provvede anche a suggerire comportamenti
virtuosi in nome dell'abbattimento dei consumi e delle
emissioni di gas nocivi. Per i gestori della flotta il vantaggio si
misura, oltre che sulla ecosostenibilità, anche sul fronte della
riduzione dei costi vivi. Secondo stime fornite da Fiat
l'utilizzo della piattaforma consente un risparmio fino al 15%
sui costi di carburante.

Ecodrive Fleet provvede anche all'aggiornamento automatico del
database dei costi di gestione e offre informazioni dettagliate
sugli interventi di manutenzione (i tagliandi) per un utilizzo più
efficiente delle componenti dell’auto, ritardandone
l’usura.

Oltre che sulla propria flotta Fiat ha reso disponibile il software
per tutte le aziende interessate ad ottimizare la gestione del
proprio parco veicoli. Coca-Cola Hbc Greece, ad esempio, ha deciso
di arricchire la propria flotta aziendale con vetture dotate di
Ecodrive.

Intanto la prima release del software, lanciata nel 2008, ha già
registrato 100mila download. Oltre 32mila gli automobilisti che la
utilizzano per 4 milioni di chilometri di percorrenza. Fiat ha
quantificato un risparmio complessivo di circa 2.500 tonnellate di
Co2.