Fuga di criptovalute dalla Cina: trasferiti asset per 50 miliardi di dollari - CorCom

IL REPORT

Fuga di criptovalute dalla Cina: trasferiti asset per 50 miliardi di dollari

Secondo i dati di Chainalysis nell’ultimo anno si sono verificate fughe consistenti di capitali dai portafogli digitali di Pechino, in barba alle regole particolarmente stringenti in vigore nella Repubblica popolare

21 Ago 2020

Veronica Balocco

Più di 50 miliardi di dollari di criptovalute trasferiti dai portafogli digitali cinesi ad altre parti del mondo. E’ la rilevazione messa in luce da un nuovo rapporto di Chainalysis, società di blockchain forensics, il quale evidenzierebbe così la possibilità che gli investitori cinesi stiano trasferendo più denaro di quanto consentito fuori dal loro Paese.

Oggi i cittadini cinesi possono acquistare solo fino a 50mila dollari di valuta estera all’anno presso un istituto finanziario. In passato, la parte più ricca della popolazione aveva aggirato il limite attraverso investimenti stranieri in immobili e altri beni: il governo ha però represso questi metodi, anche se, afferma il report, “la criptovaluta potrebbe recuperare un po ‘di flessibilità”.

A fotografare l’anomalia della situazione è quanto rilevato da Chainalysis negli ultimi dodici mesi, “quando – fa presente la società – con l’economia cinese che soffre a causa delle guerre commerciali e della svalutazione dello yuan in momenti diversi, abbiamo visto passare oltre 50 miliardi di dollari di criptovalute da indirizzi con sede in Cina a indirizzi all’estero”. “Ovviamente, non tutto questo è fuga di capitali – aggiunge il rapporto – ma possiamo pensare a 50 miliardi di dollari come il tetto assoluto per la fuga di capitali tramite criptovaluta dall’Asia orientale ad altre regioni”.

I detentori di criptovaluta stanno utilizzando il controverso stablecoin Tether per spostare i loro soldi. Uno stablecoin è una valuta digitale che di solito è supportata da un altro asset o gruppo di asset nel tentativo di stabilizzarne il valore e limitare la volatilità. Tether afferma di essere ancorato al dollaro USA.

Le stablecoin sono utili per trasferire grandi quantità di criptovaluta perché, in teoria, il valore della criptovaluta che una persona sta spostando non dovrebbe vedere oscillazioni selvagge. “In totale – afferma Chainalysis nel suo rapporto -, Tether per un valore di oltre 18 miliardi di dollari è stato trasferito dagli indirizzi dell’Asia orientale a quelli con sede in altre regioni negli ultimi 12 mesi. Ancora una volta, è altamente improbabile che tutto questo sia fuga di capitali”.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

Parte di questa attività può essere spiegata dai miner con sede in Cina che convertono le loro monete appena coniate in Tether e le inviano agli scambi all’estero, ha detto Chainalysis. I miner sono persone con computer specializzati che risolvono complessi problemi di matematica per coniare nuove criptovalute. Quando risolvono questo problema complesso, vengono ricompensati in criptovaluta.

Ma il rapporto ha anche rilevato picchi significativi nel movimento di Tether su alcuni eventi di notizie. In primo luogo, a ottobre, il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato il proprio interesse verso la  blockchain, la tecnologia alla base di molte monete digitali. In secondo luogo, dopo una massiccia svendita a metà marzo, il prezzo del bitcoin ha iniziato a riprendersi.

“Le azioni negli Stati Uniti e in Cina stavano ancora perdendo valore, così come lo yuan stesso – afferma Chainalysis -. È possibile che il tumulto economico possa aver provocato una fuga di capitali dalla Cina, anche se gran parte del movimento di Tether potrebbe essere stato il trasferimento di criptovalute con sede nell’Asia orientale alle borse internazionali per fare trading in un momento in cui la volatilità dei prezzi delle criptovalute era elevata”.

La Cina in passato ha preso una posizione dura sulle criptovalute. Nel 2017, Pechino ha vietato la raccolta di fondi tramite criptovalute note come offerte di monete iniziali o Ico e scambi locali. Tuttavia, Xi ha supportato la tecnologia sottostante nota come blockchain. Nel frattempo la banca centrale cinese, la Banca popolare cinese, sta sviluppando una propria valuta digitale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

X
Xi Jinping

Approfondimenti

B
Blockchain
C
criptovalute

Articolo 1 di 5