IL COMMENTO

Foia, Madia: “La PA è finalmente trasparente, ora avanti su open government”

Il ministro: “I cittadini hanno il diritto di conoscere dati e documenti in possesso dell’amministrazione. Coinvolgeremo la società civile per un confronto sul tema del governo aperto”

20 Mag 2016

A.S.

Il Foia è legge. Con il decreto attuativo della riforma della pubblica amministrazione, approvato definitivamente, l’Italia adotta una legislazione sul modello del Freedom of Information Act.
I cittadini hanno ora diritto di conoscere dati e documenti in possesso della pubblica amministrazione, anche senza un interesse diretto”. Lo afferma in un Post sul suo profilo Facebook Marianna Madia, ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione.

“Nel corso del dibattito pubblico di questi ultimi mesi mi ero impegnata – prosegue – affinché venissero recepite le condizioni espresse nei pareri delle commissioni parlamentari: chiedere un documento sarà gratuito; un’amministrazione che rifiuta il rilascio di un documento dovrà motivarlo in maniera chiara; il cittadino che si oppone al rifiuto di un’amministrazione di rilasciare un’informazione potrà rivolgersi al responsabile della trasparenza o al difensore civico e, in ogni caso, al Tar”.

WHITEPAPER
Telemedicina: come attivare una valida rete ospedale-medici-territorio
PA
Sanità

“Il Foia – conclude Madia – può garantire la massima trasparenza della PA e la più ampia partecipazione dei cittadini, che possono esercitare un controllo democratico sulle politiche e le risorse pubbliche. L’impegno sulla trasparenza non finisce qui. A breve, con un metodo che sin qui ha funzionato, coinvolgeremo le realtà della società civile sull’open government e apriremo un percorso di confronto e lavoro comune“.