L'INIZIATIVA

Fondazione Tim, 2 milioni per la popolazione ucraina

La donazione a favore del programma dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità per garantire ai rifugiati i test e le vaccinazioni Covid-19 nonché le più appropriate cure mediche

17 Giu 2022

F. Me

ucraina6
Fornire un aiuto immediato alla popolazione colpita dalla crisi umanitaria in Ucraina. Con questo obiettivo la Fondazione Tim, presieduta da Salvatore Rossi e guidata dal Direttore Generale, Giorgia Floriani, ha deliberato una donazione da 2 milioni di dollari (circa 1,9 milioni di euro) a favore del programma dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità (Oms) People’s Health Movement (Phm) per la salute dei migranti e dei rifugiati. Nel percorso che ha portato a questa decisione, fondamentale è stato il confronto con Santino Severoni, Direttore del Programma presso la sede dell’Oms a Ginevra.
Il programma prevede il coordinamento della risposta sanitaria globale all’emergenza sanitaria connessa con la guerra in Ucraina e vede la partecipazione degli Stati membri europei, delle agenzie delle Nazioni Unite, della Croce Rossa e di numerose organizzazioni no-profit. L’obiettivo è fornire supporto ai sistemi sanitari di tutti i paesi limitrofi. In particolare, sono previste azioni per gestire i flussi della popolazione colpita dalla guerra, per garantire ai rifugiati i test e le vaccinazioni Covid-19, nonché le più appropriate cure mediche.
 “Fondazione Tim si è resa in tempi brevi pronta a dare il proprio supporto all’Oms a favore dei rifugiati ucraini – dice Giorgia Floriani, Direttore Generale e Consigliere di Fondazione Tim – un sostegno forte ad una Organizzazione così autorevole e sempre in prima linea in situazioni emergenziali di tutela della salute, che vuole essere un supporto immediato e altresì un aiuto nel medio lungo periodo ad una realtà già fragile”.
@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

F
fondazione tim
O
oms

Approfondimenti

C
covid-19
U
Ucraina

Articolo 1 di 5