Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Fox si compra Sky: via libera degli azionisti alla scalata da 15 mld di dollari

La società di Rupert Murdoch mira a rastrellare sul mercato il 61% di titoli della pay tv satellitare al prezzo di 10,75 sterline per azione. L’operazione rafforza la posizione del tycoon sul mercato europeo

15 Dic 2016

A.S.

E’ iniziata la scalata di 21st Century Fox a Sky: dopo l’accordo di principio della scorsa settimana, il gigante Usa dell’intrattenimento ha presentato un’offerta formale. L’obiettivo della società guidata da Rupert Murdoch è di rastrellare sul mercato il 60,9% delle azioni della pay tv satellitare, la quota cioè mancante per raggiungere il 100% del capitale azionario oltre al 39,1% che già detiene. L’offerta è di 10,5 sterline per azione in contanti, per un valore complessivo dell’operazione di 11,7 miliardi di sterline (14,8 miliardi di dollari), per una valutazione complessiva di Sky che arriva a 18,5 miliardi di sterline.

Non è la prima volta che Murdoch tenta di salire al 100% di Sky. Nel 2011 l’ex News Corp (il gruppo che due anni dopo è stato diviso in due, la nuova News Corp a cui fanno capo le attività editoriali come il Wall Street Journal e 21st Century Fox per il business dell’intrattenimento) fu costretto a rinunciare agli sforzi per un merger da 7,8 miliardi di sterline sulla scia dello scandalo intercettazioni di cui si era macchiato il “News of the world“.

Grazie a questa operazione Murdoch farebbe ingresso in forze sul mercato europeo, e metterebbe le mani sugli oltre 20milioni di abbonati che la Pay Tv ha tra Italia, Regno Unito, Germania, Austria e Irlanda. Conclusa la negoziazione, il comitato incaricato dal Cda di Sky di gestire i negoziati si sarebbe reso disponibile a “raccomandare” ai propri azionisti di accettare l’offerta, nonostante per il primo anno non siano previsti dividendi.