Franceschini: “Turismo digitale, il tax credit è legge”

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto attuativo. Il ministro per i Beni e le attività culturali e il Turismo: “Così creeremo opportunità di sviluppo per il territorio”

24 Mar 2015

A.S.

“Il decreto attuativo per il tax credit per il turismo digitale è stato pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale. Le misure introdotte per favorire la digitalizzazione del sistema turistico, pensate per sostenere la competitività del settore, sono ormai legge”. Lo annuncia in un comunicato Dario Fransceschini, ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo.

Le nuove norme prevedono dal 2015 al 2019 il riconoscimento alle imprese di un credito di imposta del 30% dei costi sostenuti per investimenti nella digitalizzazione dell’offerta. Potranno essere dedotte spese per l’acquisto di siti e portali web e la loro ottimizzazione per i sistemi di comunicazione mobile, di programmi per automatizzare i servizi di prenotazione e vendita on line di servizi e pernottamenti, di servizi di comunicazione e marketing digitale, di spazi pubblicitari su piattaforme web specializzate, di progettazione, realizzazione e promozione digitale di proposte di offerta innovativa in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità e di impianti wi-fi.

Le modalità telematiche per la presentazione delle domande e il riconoscimento del credito d’imposta saranno definite dal ministero entro sessanta giorni dall’entrata in vigore del decreto.

WHITEPAPER
Tracciabilità e sostenibilità: la filiera 4.0 dell’Oleificio Zucchi sceglie l’innovazione digitale
Smart agrifood
Turismo/Hospitality/Food

“Grazie alla digitalizzazione del sistema turistico italiano – ha concluso Franceschini – saremo in grado di promuovere al meglio cultura, paesaggio e le eccellenze enogastronomiche delle tante realtà del Paese, creando opportunità di sviluppo sociale, economico e culturale per il territorio”.