Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

FREQUENZE

Frequenze, in Francia consultazione sulla banda 700 Mhz

Il regolatore Arcep punta a raccogliere i rilievi degli operatori e inviarli al governo in vista della gara di assegnazione in programma per dicembre 2015. La procedura durerà due mesi

17 Dic 2014

F.Me.

Arcep, autorità francese delle Tlc, ha lanciato una nuova consultazione pubblica relativa all’assegnazione della banda 700 mhz. La decisione segue quella del governo di Parigi di mettere questa porzione di spettro a dicembre 2015, e di liberarle tra ottobre 2017 e giugno 2019.

Obiettivo della consultazione – spiega l’Arcep in una nota – è quello di raccogliere i rilievi degli operatori del settore sulle modalità di assegnazione della banda 700 mhz”. La consultazione è aperta per due mesi, fino al 16 febbraio. I risultati saranno trasmessi al governo, che prevede in vista della gara del prossimo anno.

E anche in Uk si scalda la partita dei 700 mhz. A novembre il regolatore britannico Ofcom ha annunciato che assegnerà le frequenze alla banda larga mobile. L’authority britannica ha fatto sapere che renderà le frequenze disponibili al più tardi nel 2022, ma forse le potrà liberare già nel 2020. L’annuncio arriva meno di due settimane dopo che Ofcom ha deciso di mettere all’asta lo spettro nelle bande dei 2.3 GHz e 3.4 ghz a fine 2015 o inizio 2016.

Attualmente lo spettro dei 700 MHz è usato per la Tv digitale terrestre e per il Pmse (servizi di realizzazione di programmi e di eventi speciali). Ofcom comunicherà l’anno prossimo agli utenti del Pmse quali altre frequenze potranno usare, mentre per il segnale del Dtt basterà per la stragrande maggioranza delle famiglie britanniche solo risintonizzare i decoder.

A settembre Pascal Lamy, presidente del Gruppo d’Alto Livello sulle frequenze ha consegnato alla Commissione Ue un Rapporto che fissa delle linee guida per un uso ottimale della banda Uhf (Ultra High Frequency), appunto quella dei 700 mhz, per i prossimi dieci anni.

La banda 700 mhz dovrebbe essere usata dalla banda larga mobile in tutta Europa entro il 2020 con una tolleranza di due anni. Le frequenze inferiori a 700 mhz dovrebbe essere preservate per le tv in digitale terrestre fino al 2030.

Articolo 1 di 5