Frequenze, l'asta tedesca supera i 5 miliardi - CorCom

SPETTRO

Frequenze, l’asta tedesca supera i 5 miliardi

Già battute le aspettative del governo, che stimava un incasso di 4 miliardi. In gara Deutsche Telekom, Vodafone e Telefonica. In palio 270 Mhz per le comunicazioni mobili

18 Giu 2015

A.S.

L’asta delle frequenze per la telefonia mobile in Germania ha superato oggi quota cinque miliardi di euro, andando così oltre le previsioni del governo tedesco, che prevedeva di incassare dalla gara circa 4 mld, e registranodo un incremento nell’ultima settimana di circa due miliardi di euro. La cifra rimane in ogni caso distante dai 50,8 miliardi di euro realizzati nel 2000 le nuove licenze 3G, quando a correre per aggiudicarsi il servizio erano sei operatori.

In questa tornata la Germania ha messo in palio 270 MHz di spettro appartenente alle fasce nei 700 MHz, 900 MHz, 1500 MHz e 1800 MHz. In corsa Telefónica, Telekom e Vodafone Germania. Della gara fanno parte anche frequenze già utilizzate dalle Tlc (quelle nei 900 Mhz e 1800 Mhz), ma la cui licenza scadrà alla fine del 2016.

Una settimana fa, quando il monte complessivo delle offerte aveva superato i tre miliardi, Deutche Telekom, il principale operatore del Paese, era la telco che aveva fatto l’offerta più alta, con 1,22 miliardi di euro distribuiti tra i quattro lotti. Vodafone, che concorre anch’essa su tutte quattro le bande, aveva offerto in tutto 1,01 miliardi di euro, mentre il terzo partecipante, Telefonica, non aveva avanzato offerte per i 1.500 mhz, offrendo per le altre tre bande un totale di 816 milioni di euro.