Fse, per le Regioni inadempienti scatta il commissariamento - CorCom

LE NUOVE REGOLE

Fse, per le Regioni inadempienti scatta il commissariamento

Via all’attuazione delle nuove regole. Sarà l’Agid a coordinare la progettazione dell’infrastruttura nazionale per garantire l’interoperabilità. Sul piatto i primi 2,5 milioni

02 Gen 2017

Mila Fiordalisi

Per le Regioni che non rispetteranno le nuove regole sull’attuazione del Fascicolo Sanitario elettronico scatterà il commissariamento. È quanto prevede la Legge di Bilancio entrata in vigore (commi 382-383).

Sarà l’Agid – in accordo con il Ministero della salute e il Ministero dell’economia e delle finanze, Regioni e Province autonome – ad occuparsi della progettazione dell’infrastruttura nazionale che dovrà garantire l’interoperabilità dei Fascicoli. La realizzazione dell’infrastruttura sarà a cura del Ministero dell’economia attraverso l’utilizzo dell’infrastruttura del Sistema Tessera sanitaria. Per l’attuazione del progetto è autorizzata la spesa di 2,5 milioni di euro annui a partire da quest’anno.

Per spingere l’attuazione della roadmap l’Agid ha avviato – con il supporto tecnico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Icar e IIT Sede di Cosenza) – un’indagine esplorativa per rilevare lo stato di attuazione del Fascicolo e supportare Regioni e Province Autonome nella realizzazione di sistemi in grado di garantire l’interoperabilità e anche di favorire il riuso delle soluzioni.

WEBINAR
Promuovere la digitalizzazione nell'Healthcare: strumenti e network per l’innovazione
Digital Transformation
Open Innovation

Stando ai dati sul monitoraggio dello stato dell’arte pubblicati sul sito dell’Agid attualmente sono 7 le Regioni operative e 10 quelle che hanno aderito al sistema di interoperabilità sull’infrastruttura nazionale.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
fascicolo sanitario elettronico
F
fse