Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA NOVITA'

Gare pubbliche, Anac apre alle reti di impresa: svolta per le Pmi

L’autorità lancia la consultazione online sulle nuove norme. Di Virgilio (Tgt): “Così si va verso aggregazioni più competitive anche a benficio degli appalti stessi”

01 Ago 2017

F.Me.

Anac apre alla partecipazione delle reti di imprese Ict alle gare della PA. L’autorità ha lanciato la consultazione online “Schema tipo di disciplinare di gara per l’affidamento di servizi e forniture nei settori ordinari, di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, aggiudicati all’offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo”.

Secondo Anac per partecipare alle gare le reti di imprese devono essere dotate di organo comune con potere di rappresentanza e soggettività giuridica (rete-soggetto) e di organo comune con potere di rappresentanza, ma prive di soggettività giuridica (reti-contratto. Infine dotate di organo comune privo di potere di rappresentanza, ovvero sprovviste di organo comune, oppure se l’organo comune è privo dei requisiti di qualificazione.

Soddisfazione è stata espressa da Tgt, la prima rete italiana di aziende informatiche. “Crediamo che questa novità costituisca una pietra miliare nel mondo degli appalti e confidiamo che segni una svolta per le Pmi, accompagnando il loro processo di trasformazione verso aggregazioni più moderne e maggiormente competitive”, spiega il presidente Massimo di Virgilio.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Anac
A
appalti
I
ict
R
reti di impresa

Articolo 1 di 4