DEVICE

Gartner, per i tablet torna la crescita

Dopo la brusca frenata del 2014 le vendite cresceranno nel 2015 dell’8%: al Ces di Las Vegas attesi annunci di alleanze tra vendor e sviluppatori di app per creare esperienze d’uso “personalizzate”

Pubblicato il 06 Gen 2015

Patrizia Licata

tablet-131010130345

Dopo un 2014 problematico, il mercato globale dei tablet tornerà a crescere nel 2015, pur senza recuperare i livelli dei precedenti anni, perché la domanda resterà debole. Secondo le stime di Gartner, le vendite mondiali di tablet raggiungeranno 233 milioni di unità nel 2015, un incremento dell’8% rispetto al 2014.

“Il collasso del mercato dei tablet nel 2014 è stato allarmante”, commenta Ranjit Atwal, research director di Gartner. “Negli ultimi due anni le vendite globali di tablet sono cresciute con tassi a due cifre, poi è arrivato il brusco calo dell’anno scorso che può essere spiegato da diversi fattori. Uno è l’estensione del ciclo di vita dei tablet: sono condivisi tra i diversi membri della famiglia e anche gli aggiornamenti del software, soprattutto sui device iOs, li fanno durare di più. Un altro fattore si lega alla mancanza di innovazione nell’hardware che non motiva i consumatori a comprare nuovi tablet“.

Al Consumer Electronics Show (Ces) di questa settimana, gli analisti di Gartner si aspettano che i vendor di device annuncino nuove alleanze che porteranno a applicazioni innovative che usano i dati degli utenti per rendere la user experience “personalizzata”.

“Ci aspettiamo che i nuovi sviluppi nel cognisant computing aiutino a far evolvere il rapporto dei vendor con i consumatori da fornitori passivi di hardware a fornitori ‘in sincrono’ con l’utente”, afferma Atwal. “Questa nuova fase del personal cloud aiuterà a rendere il rapporto tra vendor e cliente più personale: ci saranno servizi e pubblicità automaticamente ritagliati su misura sulle richieste e i gusti del consumatore”.

Gartner prevede che nel 2015 verranno distribuiti 2,5 miliardi di device, includendo Pc, tablet, ultramobile e cellulari, con un incremento complessivo del 3,9% rispetto al 2014. I Pc tradizionali continueranno a decrescere, da 279 milioni nel 2014 a 259 milioni nel 2015 a 248 milioni nel 2016, mentre cresceranno gli ultramobile (39 milioni nel 2014, 62 milioni nel 2015, 85 milioni nel 2016). I tablet distribuiti saliranno da 216 milioni di unità nel 2014 a 233 milioni nel 2015 a 259 milioni nel 2016. I cellulari viaggiano su altre cifre: 1,8 miliardi nel 2014, 1,9 miliardi nel 2015, quasi 2 miliardi nel 2016.

“Il mercato degli smartphone comincia ad essere polarizzato tra modelli high-end e modelli low-cost”, osserva Annette Zimmermann, research director di Gartner. “I telefoni premium hanno un prezzo medio di vendita di 447 dollari nel 2014 e la loro crescita è dominata da iOs; dall’altro capo si collocano i telefoni Android con prezzi medi sui 100 dollari. Per gli smartphone di fascia media, le opportunità di mercato sono sempre più ristrette”.

Tra i sistemi operativi mobili, Android ha superato il miliardo di device distribuiti nel mondo nel 2014 e continuerà con ritmi di crescita a due cifre: Gartner prevede un incremento del 26% anno su anno. Dal 2015 Windows crescerà più velocemente di iOs e, secondo Gartner, sarà sempre più difficile per gli iPhone raggiungere significativi tassi di crescita.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3