Gartner: vendite pc, toccato il fondo si può solo "risalire" - CorCom

MERCATI

Gartner: vendite pc, toccato il fondo si può solo “risalire”

Secondo Gartner il peggio è passato: nell’area Emea è in corso una ripresa delle vendite (+17,7%) grazie alla migrazione dai tablet a device dai prezzi più accessibili, come gli ultrabook e i laptop

10 Gen 2014

Patrizia Licata

Nuovo trimestre in flessione – il settimo consecutivo – per il mercato mondiale dei Pc: i risultati preliminari di Gartner parlano di 82,6 milioni di unità distribuite globalmente negli ultimi tre mesi del 2013, pari a un calo del 6,9% rispetto all’analogo trimestre del 2012.

“Anche se le vendite di Pc hanno continuato a scendere sul mercato mondiale nel quarto trimestre, siamo spinti sempre di più a credere che alcuni mercati, come gli Stati Uniti, abbiano raggiunto ormai il punto più basso, perché l’aggiustamento della base installata sta rallentando”, commenta Mikako Kitagawa, principal analyst di Gartner. “Sui mercati emergenti invece la forte crescita dei tablet ha continuato a impattare negativamente la crescita dei Pc. In questi Paesi, il primo connected device per i consumatori è con ogni probabilità uno smartphone e il primo computing device un tablet. Di conseguenza, l’adozione dei Pc sui mercati emergenti sarà più lenta perché i consumatori saltano il passaggio del Pc e scelgono direttamente il tablet”.

Hp e Lenovo si sono contese in un serrato testa a testa la prima posizione come maggior vendor globale di Pc per tutto il 2013. Lenovo ha consolidato la leadership nel quarto trimestre, confermando la prima posizione raggiunta nel terzo, con uno share del 18,1% delle unità distribuite globalmente e una crescita del 6,6% sul quarto trimestre 2012. Lenovo gode di un andamento di crescita robusto in tutte le regioni del mondo, con la significativa eccezione dell’Asia-Pacifico e in particolare della Cina. Hp invece, con uno share globale del 16,4%, ha subito nel quarto trimestre un calo dei volumi distribuiti del 7,2%; le aree più problematiche sono gli Stati Uniti e l’America Latina. Terzo maggiore vendor mondiale per volumi distribuiti è Dell con uno share dell’11,8%, cresciuta in un anno del 6,2%; come noto la società ha cambiato la sua struttura (non è più quotata in Borsa) e ha ridefinito meglio le sue strategie andando oltre il tradizionale segmento dei Pc professionali per puntare con più convinzione sui Pc consumer, specialmente sui mercati emergenti.

Acer resta quarta con una quota dell’8,7% ma un calo del 16% dei volumi distribuiti; così per la quinta, Asus, che conferma il suo posizionamento con uno share del 7,5% ma perde il 19%. Entrambe le aziende stanno cercando di rilanciarsi puntando sui tablet.

Guardando alle diverse aree geografiche, i volumi distribuiti sul mercato Usa sono scesi del 7,5% nel quarto trimestre 2013 rispetto al quarto trimestre 2012, per un totale di 15,8 milioni di Pc distribuiti. Hp resta il vendor numero uno del mercato americano con uno share del 26,5% nonostante un calo del 10,3% delle sue vendite. In classifica seguono Dell (19,7%) e Apple (9,9%), entrambe in crescita (rispettivamente del 7,4% e del 28,5%), mentre Lenovo negli Usa è quarta (con uno share dell’8,6%) e cresce del 3,5% anno su anno.

I Pc distribuiti in Emea sono 25,8 milioni nel quarto trimestre del 2013, in flessione del 6,7% rispetto al quarto trimestre 2012. Tutte le aree Emea— Europa occidentale, orientale, Medio Oriente e Africa — risultano in flessione, ma il calo è più contenuto che nei trimestri precedenti e le vendite risultato in aumento del 17,7% rispetto al trimestre precedente, “grazie alle vendite sostenute di laptop e ultrabook sul mercato consumer e alla disponibilità di ultramobili ibridi a prezzi interessanti”, sottolinea Isabelle Durand, principal research analyst di Gartner. “Il mercato probabilmente sta migrando dai tablet premium verso form factor alternative e device a prezzi più accessibili ma soprattutto potrebbe essere concluso il periodo di aggiustamento iniziato due anni fa”.

In Europa orientale si mantengono forti le vendite di Pc professionali, ma cominciano a salire anche le vendite di tablet con sistema Android, mentre il segmento consumer è più solido in Europa occidentale, nota Ranjit Atwal, research director at Gartner.

Nel quarto trimestre 2013, Hp mantiene la posizione di top vendor in Emea con una quota del 19,7% ma in calo del 4,7%, mentre la seconda, Lenovo, con uno share del 14,8%, cresce del 23,7%. Seguono Acer, Asus e Dell; le prime due mostrano ancora performance negative, in calo rispettivamente del 7,9% e del 14,1%.

Il calo del mercato Pc è più marcato in Asia-Pacifico (-9,8%), dove i consumatori comprano di preferenza altri device, in particolare gli smartphone, oppure rinviano l’acquisto del nuovo Pc orientandosi al momento su computing device alternativi, come i tablet.

Gartner ha reso noti anche i risultati preliminari delle sue stime sulle vendite di Pc per l’intero 2013. La società di ricerche calcola che siano state distribuite 315,9 milioni di unità, con una flessione del 10% rispetto al 2012. Se il risultato sarà confermato, si tratterà della peggior flessione nella storia del mercato dei Pc, con volumi distribuiti pari ai livelli del 2009. Sul mercato globale, Lenovo, in crescita del 2,1%, risulta il primo vendor di Pc con una quota del 16,9%; Hp scende al secondo posto con uno share del 16,2%, perché le sue vendite sono calate del 9,3%. Seguono Dell, Acer e Asus, tutte, in misura diversa, in perdita (-2,2%, -28,1%, -17,7% rispettivamente).