Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA NOVITA'

Germania a tutto digital, nasce il ministero ad hoc

Affidato a Dorothea Baer, esponente dei conservatori della Csu, il dicastero si occuperà di agenda digitale e di sviluppo delle reti broadband

08 Mar 2018

Carlo Salatino

La centralità crescente delle tecnologie Ict in relazione a tutte le attività e settori della società, prevede che il digitale non possa più essere analizzato e affrontato come un “moloc” a sé stante, ma che diventi un concetto pervasivo dell’intera società che interessi tutti. Sempre più spesso, esperti e accademici indicano nella giusta attenzione e conseguente azione da parte delle istituzioni e della politica, la vera chiave di volta per capitalizzare pienamente il potenziale trasformativo delle tecnologie digitali.

In questo contesto, con una mossa “last minute” del nascente nuovo governo guidato da Angela Merkel, la Germania prova ad ambire a un ruolo da capofila nel contesto Europeo e recuperare il ritardo accumulato specie sul fronte delle infrastrutture a banda larga.

Nel nuovo esecutivo sarà, infatti, presente il Ministero per gli Affari Digitali affidato a Dorothea Baer, esponente dei conservatori della Csu, la compagine politica bavarese “sorella” della Cdu della Cancelliera.

Il nuovo dicastero coordinerà tutte le iniziative legate allo sviluppo dell’agenda digitale del paese accelerandone l’execution e lo sviluppo all’insegna di una nuova e più marcata vision del digitale.

Soddisfatte le principali associazioni di categoria.

Per Eco, l’associazione delle Internet companies, Baer è una politica esperta di web che conosce bene le dinamiche del settore e può favorirne lo sviluppo.

Bitkon, l’associazione tedesca dell’industria Ict, ha accolto positivamente la nomina del nuovo Ministro sottolineando l’importanza di assicurare che il nuovo dicastero sia dotato delle risorse e dei poteri necessari per coordinare efficacemente l’agenda digitale del Paese, includendo la possibilità di verificare che le altre iniziative legislative siano compatibili con le esigenze e le peculiarità della digital age.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5