Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL BANDO

Giornalismo data driven, dall’Europa 1,95 milioni

DG Connect lancia la Call for Proposals per progetti editoriali basati sui big data. Obiettivo: rafforzare la conoscenza dei temi europei fra i cittadini

22 Lug 2016

Patrizia Licata

La Commissione europea, tramite DG Connect, ha lanciato una Call for Proposals nel campo della produzione di notizie data-driven: fino al 26 settembre 2016 si potranno presentare proposte di progetti volti a aumentare la copertura mediatica su temi europei, da un punto di vista pan-europeo e/o mettendo a confronto i diversi punti di vista all’interno dell’Europa.

La Call for Proposals si inserisce nelle attività di DG Connect (Multimedia Actions) che hanno l’obiettivo di rendere i cittadini europei più partecipi del proceso di policy-making dell’Ue fornendo più notizie sulle tematiche europee e sui punti di vista di tutti i paesi europei. Il programma sostiene la produzione e la diffusione di notizie e contenuti “sull’Europa” ma in piena indipendenza editoriale, spiega la Commissione in una nota.

Il nuovo bando mette l’accento sul ruolo dell’informazione data-driven, quindi sui Big data, che possono aiutare a aumentare la copertura di notizie sui temi che interessano i paesi Ue. I Big data, infatti, rendono più facile per aziende dei media e giornalisti produrre contenuti innovativi e interessanti sulle tematiche dell’Europa.

I progetti che la Commissione cerca potrebbero per esempio sfruttare la ricerca, la visualizzazione e la comparazione dei dati e in generale ogni sistema che aiuti i cittadini europei a essere più informati sull’Ue e sui temi, anche complessi, che si dibattono in Europa.

Le proposte dovrebbero anche puntare sulla costituzione di un team editoriale costituito da professionisti provenienti da almeno 4 diversi stati membro dell’Ue e capace di produrre contenuti su base regolare. Si dovrà prevedere la pubblicazione delle news su tutti i canali possibili, compresi i social media, in tutta l’Unione. I candidati dovranno spiegare come vorranno offrire una prospettiva europea e aggiungere valore ai notiziari che già esistono sia a livello nazionale che europeo. Tutti i tipi di media sono inclusi nella Call for Proposals.

Per questa iniziativa la Commissione europea mette a disposizione 1,95 milioni di euro compessivi; l’intenzione è di co-finanziare da una a tre proposte. Il massimo co-finanziabile è il 75% dei costi ammissibili; gli accordi per erogare il finanziamento prenderanno il via il 1 gennaio 2017 con una durata minima di un anno e massima di tre anni.