CRIPTOVALUTE

Gli Usa pronti a regolare bitcoin, la moneta virtuale crolla sotto i 6mila dollari

Pesano i rumors sulle manovre della Sec per cercare un controllo delle monete digitali a livello federale. E per il direttore della Banca dei Regolamenti Internazionali Carstensè, bitcoin è uno schema Ponzi unito a un disastro ambientale

06 Feb 2018

Patrizia Licata

giornalista

Non si ferma il crollo di bitcoin sui mercati delle criptovalute: la moneta digitale più nota scende sotto la soglia dei 6.000 dollari sulla piattaforma lussemburghese Bitstamp, segnando una perdita del 13% ed aggiornando i minimi da novembre. Giù anche le altre valute digitali Ripple, Ether e Litecoin che lasciano sul terreno almeno l’11%.

A dare un nuovo colpo alle quotazioni delle criptovalute sono state indiscrezioni di stampa secondo cui i vertici della Sec, l’organo di vigilanza delle Borsa Usa, e della Commodity Futures Trading Commission chiederanno al Congresso americano di prendere in considerazione l’ipotesi di un controllo a livello federale delle piattaforme per gli scambi di monete digitali. Secondo quanto riferisce Bloomberg, i presidenti della Sec e della Commodity Futures Trading Commission saranno in audizione alla Commissione banche del Senato Usa per discutere di criptovalute e potenziale regolazione.

Il direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali, Agustin Carstensè, ha rincarato la dose in un intervento oggi durante un convegno a Francoforte: “Bitcoin è una combinazione di una bolla, uno schema Ponzi ed un disastro ambientale, minaccia la stabilità. Le Banche centrali intervengano per arginare i rischi”, ha detto Carstensè.

WHITEPAPER
Digitalizzare il manufacturing: dati, spunti ed esempi concreti
Digital Transformation
IoT

Solo pochi giorni fa bitcoin registrava l’ennesimo scivolone scendendo sotto la soglia degli 8.000 dollari, il livello più basso dal 24 novembre. “Il sistema delle criptovalute va regolato e le Banche centrali si stanno attrezzando per farlo, per evitare lo scoppio di bolle”, ha commentato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, intervenendo a un convegno organizzato da Enel Foundation e Aifi.

Anche molti degli esperti riuniti il mese scorso a Davos per il World economic forum hanno suonao il campanello d’allarme sui rischi delle monete virtuali, compresa la bocciatura completa dell’economista premio Nobel Joseph Stiglitz, che, intervistato da Bloomberg Tv a margine del Wef, ha dichiarato che bitcoin non ha alcuna funzione utile, a parte l’elusione della legalità, e deve essere dichiarato fuori legge.

@RIPRODUZIONE RISERVATA