Google al fianco degli hotel, via al servizio "Pay per Stay" - CorCom

ADVERTISING

Google al fianco degli hotel, via al servizio “Pay per Stay”

Per supportare il settore colpito dal calo di presenze causate dall’emergenza coronavirus, BigG introduce un’importante novità in Travel Ads: le commissioni per gli annunci pubblicitari relativi alle offerte delle strutture saranno pagate solo a soggiorno avvenuto

13 Mag 2020

Domenico Aliperto

Google introduce le commissioni per soggiorno sugli annunci Hotel Ads per supportare il settore alberghiero durante l’emergenza Covid-19. L’annuncio è apparso all’interno di un post pubblicato sul blog della società a firma di Michael Trauttmansdorff, Group Product Manager, Travel Ads.

Dal programma pilota al rilascio globale

In particolare, le commissioni per soggiorno, note anche come pagamento per soggiorno o Pay Per Stay, finora utilizzate come programma pilota, verranno ora rilasciate a livello globale, e permetteranno alle strutture alberghiere che utilizzano Hotel Ads di pagare la commissione sull’annuncio solamente nel caso in cui il soggiorno degli ospiti venga effettivamente realizzato. Oltre a questo, verrà reso disponibile un filtro “cancellazione gratuita” relativo alla ricerca delle strutture alberghiere, per dare risalto alle tariffe rimborsabili in casi di cancellazione della prenotazione da parte dell’utente.

WHITEPAPER
Strumenti e strategie per affrontare al meglio le sfide del prossimo futuro
Cloud
Digital Transformation

“Hotel e strutture alberghiere stanno vivendo un periodo di incertezza e difficoltà senza precedenti”, dichiara in una nota Filippo Fasolo, Ceo di AdsHotel del gruppo Nozio. “Abbiamo fin da subito usato la nostra esperienza e tecnologia per implementare Pay Per Stay, la nuova funzionalità di Google Hotel Ads che permette agli hotel sostenere i costi relativi alla campagna pubblicitaria soltanto a soggiorno concluso. Grazie a Pay Per Stay, Google mette a disposizione la propria tecnologia al servizio degli hotel, garantendo loro sostegno e flessibilità per incontrare i bisogni del proprio pubblico”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA