Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ENGINE

Google battezza il searching a misura di smartphone

Novità in casa del motore di ricerca: le pagine “mobile friendly” verranno indicizzate separatamente da quelle “tradizionali”, pensate per i pc

17 Ott 2016

Google si appresta a un cambiamento radicale nel suo core business: le ricerche sul web. Il motore online indicizzerà separatamente le pagine “mobile friendly” – ottimizzate per essere viste sul piccolo schermo di uno smartphone – da quelle tradizionali, adatte a una fruizione dai computer. Lo ha anticipato nei giorni scorsi Gary Illyes, analista di Google, in una conferenza, sottolineando che l’indice per i dispositivi mobili sarà quello “primario”, da cui cioè il motore di ricerca andrà a pescare i risultati. La novità, ha confermato Illyes al sito Search Engine Land, diventerà effettiva nel giro di “mesi”.

La decisione avrà un grande impatto sui siti web e potrebbe fare da apripista per altri motori di ricerca: sviluppatori, aziende ed editori online dovranno assicurarsi che i loro contenuti siano il più possibile compatibili per l’esperienza “mobile” per essere adeguatamente indicizzati da Google.

Che Big G stia puntando sul web “mobile” non è un mistero. In questa direzione vanno sia il lancio delle “Amp”, le “Pagine mobili accelerate” per caricare più velocemente gli articoli ottimizzati per telefoni e tablet, sia alcuni aggiornamenti dell’algoritmo di ricerca che si proponevano proprio di penalizzare i siti sprovvisti di una versione ad hoc per i dispositivi mobili.

Argomenti trattati

Approfondimenti

G
google
S
searching
S
smartphone