Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

Google Calendar offline, ecco cosa è successo

Per alcune ore il servizio di BigG ha smesso di funzionare. Due le ipotesi al vaglio dei tecnici: un errore di sistema che ha causato una modifica alla Url dell’applicativo web oppure problemi infrastrutturali

19 Giu 2019

Antonio Dini

Brutte notizie per gli utenti Android e dei servizi cloud di Google in generale: Google Calendar è andato offline per alcune ore nella giornata di ieri, tornando poi a funzionare in tarda serata.

«Stiamo investigando l’accaduto: abbiamo avuto segnalazioni di problemi con Google Calendar e forniremo maggiori informazioni a breve», ha comunicato l’azienda californiana. Tuttavia per almeno sei ore sono stati milioni gli utenti che a quanto pare non hanno potuto accedere al calendario con i loro appuntamenti.

In realtà gli utenti più esperti si sono resi conto che esiste una soluzione per questo problema: installando l’app Google Calendar sullo store Android o di iOS di Apple, facendo log-in è comunque possibile vedere i calendari che non sono più disponibili sul web o nelle app di terze parti.

All’inizio di giugno un altro problema tecnico aveva interrotto la maggior parte dei servizi cloud di Google: avevano avuto problemi YouTube, Gmail e anche altri servizi di terze parti che usano il cloud di Google, come Snapchat.

Il trasferimento di moltissimi prodotti software sul cloud, trasformandoli in servizi erogati on-demand, sta cambiando non solo la struttura dei costi e la velocità di accesso alle informazioni (o per la creazione di nuovi progetti informatici), ma sta anche creando nuove problematiche. Se da un lato i servizi cloud sono complessivamente più affidabili dei servizi erogati da un datacenter proprietario, il rischio che comunque possano non funzionare o perdere dati esiste e si traduce in danni più rari temporalmente ma molto più estesi per coinvolgimento di utenti e aziende che appoggiano i loro servizi sul cloud di uno dei grandi fornitori del settore.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

G
google
G
google calendar

Articolo 1 di 5