Google Car, il veterano John Krafcik a capo del progetto - CorCom

Google Car, il veterano John Krafcik a capo del progetto

L’ingegnere meccanico, specializzato nell’utilizzo dei big data, aveva guidato per 5 anni fino al 2013 le attività Usa di Hyundai Motor. L’uscente Chris Urmson passerà a guidare lo sviluppo tecnologico di veicoli e software della “self driving car”

14 Set 2015

Antonello Salerno

John Krafcik (nella foto) è stato designato per entrare in Google come ceo del progetto delle automobili autoguidanti, le cosiddette “Google car”.

Veterano dell’industria dell’auto, l’ingegnere meccanico, oggi presidente di True-Car, servizio di vendita di automobili online, ha alle spalle 10 anni trascorsi in Hyundai Motor, dal 2004 al 2013, dove per 5 anni ha guidato le attività dell’azienda negli Usa. Ancora prima, dal 1990 al 2004, era stato in Ford, dove aveva assunto la guida di diversi progetti. Intanto Chris Urmson, finora alla guida del progetto, passera a sovrintendere lo sviluppo tecnologico dei veicoli e dei loro software.

La nomina è una dimostrazione del fatto che BigG stia puntando con decisione sull’implementazione di questo settore, per il quale ha scelto un “veterano”, conosciuto per la sua abilità nell’utilizzare i big data in ogni campo, dalle vendite al marketing allo sviluppo dei prodotti, alla tecnologia e alla manifattura.

“Negli ultimi anni abbiamo fatto nel campo delle automobile autoguidanti molti più progressi di quanti non ce ne saremmo aspettati” affermano in una nota i vertici di Google annunciando la nomina, sottolineando tra l’altro che nei test sono stati percorsi da auto senza pilota su strade pubbliche più di un milione di miglia.

“Siamo riusciti a portare il nostro prototipo per I test sulle strade cittadine, a fare lo slalom tra pedoni, ciclisti e altri veicoli – si legge nel comunicato di Google – Abbiamo costruito un veicolo che nelle nostre speranze un giorno sarà in grado di trasportare una persona da un punto A a un punto B soltanto premendo un pulsante”.

Krafcik assume il nuovo incarico nel momento in cui il team impegnato sulla Google Car sta lavorando per capire meglio qual è la percezione del pubblico nei confronti della Google Car e su come questa tecnologia potrà essere utilizzata nella vita di tutti i giorni e negli spostamenti dei pendolari.

Le ultime sperimentazioni hanno visto Google passare dall’equipaggiare mezzi già esistenti con la propria tecnologia alla realizzazione di veri e propri prototipi, disegnati e costruiti “in casa”, a Livonia, in Michigan, per mettere in piedi una vera e propria flotta.