Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ENERGIA

Google, intelligenza artificiale per tagliare le bollette

Grazie al sistema di apprendimento automatico DeepMind la compagnia ha ridotto del 40% i consumi del raffreddamento dei server. Anche Microsoft si muove: allo studio il piazzamento dei centri di calcolo in fondo al mare

21 Lug 2016

Andrea Frollà

Usare l’intelligenza artificiale per abbattere i costi energetici. Così Google è riuscita a ridurre la voce in bilancio relativa ai consumi dei centri di elaborazione dati. Elettricità e acqua necessarie per raffreddare i server che consentono il funzionamento del motore di ricerca e di altri servizi online della compagnia, come YouTube e Gmail.

Mountain View ha impiegato il proprio sistema di apprendimento automatico DeepMind per gestire l’utilizzo di corrente elettrica nei data center, riuscendo a ridurre del 40% i consumi legati al raffreddamento e del 15% i consumi complessivi dei centri di calcolo. Per Google si tratta di “un passo in avanti fenomenale”, che consentirà di “migliorare enormemente l’efficienza energetica e ridurre le emissioni complessive di gas serra”. Con tecnologie come DeepMind, spiega la compagnia, “possiamo usare l’apprendimento automatico per consumare meno energia e contribuire a rispondere a una delle sfide globali più grandi: il cambiamento climatico“.

La componente energetica pesa sui bilanci delle Internet company, che non a caso stanno cercando di innovare le soluzioni di controllo e riequilibrio dei consumi. Facebook ha costruito un data center a Lulea, nel Nord della Svezia, mentre la stessa Google ne ha realizzato uno ad Hamina, in Finlandia, che per il raffreddamento sfrutta le acque del mare. E anche Microsoft sta puntando in alto: in cantiere la possibilità di mettere i suoi server sott’acqua, in fondo al mare.

Articolo 1 di 5