Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SMART CITY

Google Transit, i bus milanesi sbarcano sulle mappe

Primo passo nella collaborazione sul digitale tra il motore di ricerca e il Comune lombardo. Il servizio offre percorsi e tempistiche per muoversi in città

18 Dic 2014

Lorenzo Forlani

Il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, in occasione della sua visita alla nuova sede di Google in Italia, ha annunciato l’avvio di progetti congiunti con l’azienda di Mountain View volti a fornire nuovi servizi ai cittadini e ad utilizzare strumenti digitali per valorizzare la città dal punto di vista dei beni culturali e della capacità di attrarre turisti. A dare inizio alla collaborazione è il lancio di Google Transit.

Grazie alla collaborazione con l’Agenzia Mobilità Ambiente e Territorio del Comune di Milano, che ha reso disponibili i dati in modalità ‘open data’, Google da oggi rende fruibili le informazioni su linee e orari del trasporto pubblico milanese direttamente su Google Maps attraverso la funzione Transit. A pochi mesi dall’appuntamento con Expo 2015, trovare informazioni per spostarsi nelle aree urbane e suburbane di Milano utilizzando i mezzi pubblici diventa ancora più semplice, tanto per i cittadini quanto per tutti coloro che visitano la città per lavoro e turismo.

Per attivare Transit è sufficiente cercare su Google Maps l’indirizzo o il punto d’interesse da raggiungere e selezionare l’apposita icona “trasporto pubblico”; il servizio è disponibile sia da computer sia da dispositivo mobile, direttamente dall’applicazione Google Maps.

La collaborazione tra il Comune di Milano e Google prevede anche l’utilizzo di StreetView per valorizzare e rendere accessibili online alcuni luoghi iconici della città, mappati su indicazione della Municipalità. Lanciamo oggi i cortili interni del Castello Sforzesco, l’Arena Civica Gianni Brera, il parco delle Basiliche, la Rotonda della Besana e i giardini di Villa Lonati, mentre altri seguiranno nei prossimi mesi.

Sempre con l’obiettivo di creare valore con la propria presenza a Milano, nel 2015 Google collaborerà con il Comune anche nell’organizzazione di corsi aperti alla cittadinanza, che si svolgeranno nei suoi uffici di Milano e nel corso dei quali i “Googlers” italiani metteranno le loro competenze a disposizione della comunità.

Articolo 1 di 5