Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Grandi fiaschi tecnologici. La Top ten del Time

26 Mag 2009

Il Time ha fatto la classifica dei dieci peggiori fallimenti degli
ultimi dieci anni in campo tecnologico. Criterio scelto quello
della capacità di innovare nel proprio settore, consolidamento
dell'azienda, e capacità di penetrare il mercato al punto di
guadagnare milioni di euro.
Risalendo la top ten all'ultimo posto si posiziona Windows
Vista, sistemo operativo fallimentare rispetto all'idea con cui
è nato: innovare il precedente Xp e penetrare il mercato con le
sue performance, che invece per il Time non si sono rivelate
all'altezza dei suoi predecessori.

Al nono troviamo Gateway, l'azienda leader del mercato Pc fino
a che Acer non l'ha acquisita. Salendo la classifica si
incontra l'HD-DVD, supportato da Toshiba, formato non troppo
fortunato battuto dal Blu Ray.

Al settimo e sesto posto il Time posiziona Vonage, progenitrice
delle aziende di servizi di telefonia con connessione a banda larga
e Sirius Xm, radio satellitare americana salvata in extremis dalla
bancarotta. Vista  a parte, Microsoft raggiunge il quinto posto
con lo Zune, il lettore multimediale completamente oscurato
dall'iPhone: quest'ultimo ha ottenuto guadagni per 3, 37
miliardi di dollari, il primo per appena 85 milioni. Il quarto
posto delle sconfitte se l'aggiudica Palm, dominatore della
scena dei palmari anche lui soppiantato da un prodotto nuovo della
stessa gamma, il Blackberry.

Sul podio sale YouTube perché non guadagna abbastanza. Ma i
"vincitori" sono Iridium e Segway. Il primo, che operava
nel settore dei telefoni satellitari e che dopo aver speso 5
miliardi di dollari in infrastrutture finì in amministrazione
controllata alla fine degli anni 90.  Il secondo è un bi-ciclo
motore, il Segaway appunto, che voleva rivoluzionare il modo di
spostarsi in città. Ne vennero venduti solo 30000 esemplari dato
il costo proibitivo.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link