AUTOMOTIVE

Guida autonoma, Nvidia battezza il sistema “all in one”

La società ha sviluppato una piattaforma che consente il controllo di tutte le funzionalità tramite un solo chip. In produzione nel 2025

21 Set 2022

Lorenzo Forlani

chip-auto-automotive1
Si chiama Drive Thor la nuova piattaforma appena annunciata da Nvidia, che centralizza completamente il controllo della guida autonoma ed assistita, nonché tutte le funzionalità di intrattenimento all’interno dell’automobile. Il nuovo sistema “all in one” andrà in produzione nel 2025, e rappresenta un upgrade non solo rispetto al chip Drive Orin di Nvidia, ma anche rapportato al Drive Atlan, sempre di Nvidia, come annunciato lo scorso martedì ad un evento dal ceo Jensen Huang. Drive Thor, con 2000 teraflops di performance, avrà una capacità di calcolo doppia.
“Se guardiamo alle auto oggi, notiamo che i sistemi avanzati di guida assistita, di parcheggio, di monitoraggio della guida, gli specchietti e l’infotainment sono tutti gestiti da differenti computers all’interno del veicolo”, ha spiegato in conferenza stampa Danny Shapiro, vice presidente di Nvidia. “Nel 2025, queste funzioni non saranno più separate, perché Drive Thor permetterà ai produttori di raggrupparle in un unico sistema, riducendo i costi complessivi”.
Alcuni case produttrici di auto hanno già avviato la progettazione di chip che permettano un controllo più integrato delle funzioni dell’auto e una riduzione dei costi: l’unità Cruise guida autonoma di General Motors – che oggi usa chip Nvidia -, ad esempio, ha annunciato la scorsa settimana di aver sviluppato un proprio chip da lanciare nel 2025.

Dubbi sulla possibilità di servire i clienti cinesi

Il primo cliente di Drive Thor sarà invece la cinese Zeekr, di proprietà del Geely Holding Group, mentre – come ha fatto sapere Shapiro – l’attuale piattaforma Drive Orin verrà usata da un’altra compagnia cinese, la XPeng, per il suo nuovo smart Suv, anche se ovviamente permangono dubbi relativi alla possibilità che la clientela cinese possa continuare ad avere accesso alla tecnologia Nvidia, visto il recente ban americano sull’export di due chip Nvidia verso Pechino e i suoi Data centers. Drive Orin viene usato anche dalla Volvo, che lo scorso gennaio aveva inoltre annunciato di voler potenziare il proprio sistema di infotainment con il chip Qualcomm Snapdragon. Altri produttori di auto che hanno annunciato nel corso del tempo l’utilizzo di Drive Orin includono Jidu Auto, Nio, Li Auto, Im Motors, Polestar, molti dei quali sono clienti cinesi. Se è vero che Nvidia è basata in California, va ricordato che i chip sono prodotti a Taiwan.
    

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4