Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Hacking team, Google “blocca” i video Flash in autoplay

Lo stop a partire da domani 1° settembre. L’azienda punta a rendere più sicura la navigazione sul proprio browser dopo i problemi che hanno coinvolto Adobe

31 Ago 2015

A.S.

Da domani Google Chrome bloccherà di default tutte le pubblicità realizzate sul browser attraverso Adobe Flash. Ad annunciarlo è il colosso di Mountain View attraverso un post sul profilo Google+ di AdWords. Gli utenti potranno così decidere se visualizzare l’annuncio cliccando sul banner, senza visualizzare le animazioni in automatico.

La decisione del team specializzato sulla Cybersecurity di Chrome è stata presa per garantire iI massimo della sicurezza e delle prestazioni del browser, spiega la nota della società, proprio mentre sul web continuano a proliferare annunci pubblicitari usati per la diffusione di malware.

La nuova tecnologia che sarà attivata da Google Chrome da domani avrà il compito di distinguere gli elementi Flash presenti sui siti web, lasciando però ai singoli utenti la libertà di cliccare e visualizzare ogni contenuto, che però non partirà più “in automatico” all’apertura della pagina. Una funzionalità che è già prevista tra le possibili scelte degli utenti di Chrome, ma che è però disattivata nelle impostazioni iniziali di default.

Negli ultimi mesi, dopo l’attacco hacker all’Hacking Team e la diffusione in rete di un file Torrent da 400 GB che ha messo in evidenza pericolosi exploit che sfruttano alcune vulnerabilità di Flash, i big della rete, tra i quali anche Mozilla Firefox, hanno deciso di abbandonare il supporto Flash a vantaggio di Html5.

Articolo 1 di 2