HD forum spegne 10 candeline: dall'analogico alla fibra - CorCom

LA RICORRENZA

HD forum spegne 10 candeline: dall’analogico alla fibra

L’associazione celebrerà il decennale con la Conference 2016 in Vaticano. Tra le case history quella di San Marino, che porterà connessioni fiber to the home tramite i contatori elettrici sull’80% del proprio territorio dal prossimo anno

04 Ott 2016

E.L.

Un decennio a sostegno delle nuove tecnologie audiovisive, attraverso un dialogo costante e aperto a tutta la filiera: dai rappresentanti dell’industria manifatturiera fino ai broadcaster. È quello che l’Associazione HD Forum Italia celebra con la Conference 2016 che quest’anno si terrà in Vaticano. “Passaggi: comunicazione e tecnologie oltre le frontiere” è il titolo dell’evento, che si terrà presso il Media center di Via della Conciliazione 5 a Roma. A fornire nuovi spunti di riflessione gli esperti del settore dell’audiovisivo in arrivo nella Capitale da tutto il mondo e che, giovedì 6 e venerdì 7 ottobre, si confronteranno sugli scenari tecnologici e di mercato.

Tra i temi principali all’ordine del giorno l’Ultra HD/HDR, raccontato dai protagonisti, cioè da quelle realtà che per prime l’hanno sperimentato, proposto e scelto, come il Centro televisivo vaticano.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

L’appuntamento, promosso da HD Forum Italia e Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede, si aprirà con il reportage ‘Behind-the-scenes’ girato durante la cerimonia d’apertura dell’Anno Giubilare. Atteso, inoltre, il già annunciato cortometraggio ‘Tessuti: Sorella Fibra’ prodotto dall’AaSs di San Marino (Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici). Il filmato si muove su un filo, quello che lega l’antica tradizione del ricamo praticata dalle Clarisse del Monastero di S. Chiara all’esigenza di portare Internet super veloce, grazie alla fibra ottica, in tutte le abitazioni attraverso il contatore elettrico. “I lavori – dice il direttore generale dell’AASS Emanuele Valli – saranno completati entro un paio di anni, ma già dall’anno prossimo sarà coperto l’80% del territorio”.