RISTRUTTURAZIONI

Hp, altri 25-30mila licenziamenti

L’azienda intende tagliare altri posti di lavoro oltre i 54mila dipendenti già ristrutturati. I nuovi esuberi si concentreranno in una delle due aziende che nasceranno da novembre. L’ad Meg Whitman punta a ridurre i costi annuali enterprise di 2,7 mld di dollari

16 Set 2015

Hewlett-Packard taglierà 25-30mila posti di lavoro nell’ambito della ristrutturazione. Lo afferma l’azienda sottolineando che il taglio comporterà costi per 2,7 miliardi di dollari.

”Abbiamo fatto un significativo lavoro negli ultimi anni – ha detto in una nota l’amministratore delegato Meg Whitman – per ridurre i costi e semplificare i processi e queste azioni finali elimineranno la necessità di una futura ristrutturazione”.

I nuovi esuberi sono pari al 10% della forza lavoro complessiva e si concentreranno in una delle due aziende che nasceranno dal primo novembre prossimo, quando il gruppo HP si dividerà in due società autonome: una specializzata in server, servizi e software (Hewlett-Packard Enterprise, quella su cui calerà la scure dei licenziamenti) e l’altra centrata su pc e stampanti (la nuova HP Inc.). Con questa mossa, l’attuale amministratore delegato di HP Meg Whitman intende ridurre i costi annuali di HP Enterprise di 2,7 miliardi di dollari.

WHITEPAPER
Digitalizzare il manufacturing: dati, spunti ed esempi concreti
Digital Transformation
IoT

“Queste attività di ristrutturazione consentiranno una struttura dei costi più competitiva e sostenibile per la nuova Hewlett Packard Enterprise – ha spiegato Whitman in un comunicato –. Abbiamo fatto un lavoro significativo negli ultimi anni per ridurre i costi e semplificare i processi e queste azioni finali elimineranno la necessità di ristrutturazioni aziendali future”. Resta da vedere se sarà davvero così, visto che Whitman aveva garantito che HP non avrebbe visto altre ristrutturazioni.

Ieri HP ha fornito anche l’outlook per l’anno fiscale 2016 di Hewlett-Packard Enterprise. Per l’azienda, che verrà guidata dalla stessa Whitman, la strada è in salita. Mentre il mercato delle tecnologie alle aziende è visto crescere del 4-5 per cento in un anno, le attività di HP rischiano di espandersi a un passo più lento a causa dell’andamento di Cina, Russia e Brasile, ha concluso Whitman. Hewlett-Packard Enterprise verrà scambiata in borsa con il ticker “HPE”, sarà “più piccola” di HP e avrà ricavi annuali sopra i 50 miliardi di dollari.

Il titolo HP ieri ha chiuso in rialzo dello 0,26 per cento a 27,11 dollari. Nel dopo mercato ha ceduto l’1,4 per cento circa.

Argomenti trattati

Approfondimenti

H
hp
L
licenziamenti
M
meg whitman