LO SPIN OFF

Hp Enterprise scorpora i servizi IT, spin-merger con Csc

Nasce un colosso globale di servizi enterprise da 5mila clienti. L’azienda guidata dalla Whitman si concentra su attrezzature di rete e software. Attese sinergie per un miliardo di dollari nel primo anno

25 Mag 2016

Patrizia Licata

Per Hp arriva una nuova operazione che snellisce ulteriormente la struttura aziendale, dopo la separazione nel 2014 tra i due rami Hewlett Packard Enterprise (HPE), concentrata su server, attrezzature di rete e servizi per imprese, e Hp Inc, che vende Pc e stampanti. Ora Hp Enterprise ha deciso lo spin off delle attività legate ai servizi IT (la divisione Enterprise Services), che verranno vendute a Csc.

Si tratta quindi di un’operazione di spin-merger, visto che Csc si fonderà con Enterprise Services, rafforzando il suo posizionamento di fornitore pure-play di servizi It globale; la nuova entità si aspetta di avere un fatturato annuale di 26 miliardi di dollari e più di 5.000 clienti in 70 paesi, tra cui anche gli attuali clienti di HPE. Il merger dovrebbe essere completato a fine marzo 2017.

Mike Lawrie, attuale numero uno di Csc, sarà Ceo della nuova entità; la Ceo di Hp Enterprise Meg Whitman siederà nel Cda, di cui faranno parte consiglieri per metà nominati da HPE e per metà da Csc. Mike Nefkens, attuale vice presidente esecutivo e general manager di Enterprise Services di HPE, entrerà nel team esecutivo della nuova azienda.

WHITEPAPER
Trasformazione digitale: le tecnologie più rilevanti per supportare la crescita delle aziende
Digital Transformation

“La fusione con HPE Enterprise Services è una scelta logica nell’ottica della trasformazione di Csc“, ha dichiarato Lawrie. “Saremo un’azienda globale dei servizi tecnologici ancora più potente, posizionata al meglio per competere, innovare e servire i clienti su un mercato in rapido cambiamento”.

Da parte sua HPE si concentrerà nei rami di attività legati alle attrezzature di rete e al software. “Lo ‘spin-merger’ di HPE Enterprise Services con Csc è la scelta giusta per HPE e i nostri clienti”, ha dichiarato la Whitman. “Sia HPE che la nuova entità che si formerà si posizionano in modo da essere sempre più numeri uno nei loro rispettivi mercati”.

Dall’operazione sono attese sinergie per 1 miliardo di dollari nel primo anno e fino a 1,5 miliardi dopo il primo anno. Inoltre, la nuova azienda che si forma si accollerà 2,5 miliardi di dollari dell’attuale debito di HPE.