AUTOMOTIVE

Hyundai progetta i “Software defined vehicles”: sul piatto 13 miliardi

L’azienda punta a dotare 20 milioni di veicoli con tecnologie “over-the-air” entro il 2025. Aggiornamenti a bordo in tempo reale per aumentare performance e funzionalità

12 Ott 2022

L. O.

Photo.1_Unlock the Software Age

Aggiornamenti software Over-The-Air per tutti i modelli di auto entro il 2025. E’ la “svolta” al centro della nuova strategia globale di Hyundai Motor Group che con i Software Defined Vehicles punta ad assicurare performance e funzionalità migliorate per mantenere i veicoli al passo coi tempi. Si stima che entro il 2025 ci saranno 20 milioni di veicoli registrati ai Connected Car Service del Gruppo. Sul piatto 13 miliardi di dollari.

Cosa prevede il progetto

L’iniziativa darà vita, si legge nella nota della società, “a un’era radicalmente nuova per la mobilità, offrendo ai clienti la libertà di aggiornare da remoto le performance e le funzionalità dei propri veicoli, ovunque e in qualsiasi momento”.

WHITEPAPER
Connected Car: in Italia un mercato da 1,18 miliardi che ha resistito alla pandemia
Automotive
Connected car

Annunciati anche i piani per la trasformazione della customer experience per l’intero ciclo vita del veicolo e offrire un nuovo paradigma di mobilità attraverso una tecnologia software in continua evoluzione.

La tecnologia di software per la mobilità garantirà che tutti i modelli, compresi quelli già acquistati, potranno costantemente essere aggiornati. Ciò comprenderà le funzioni del veicolo come quelle per sicurezza, comfort, connettività e prestazioni di guida, tramite aggiornamenti software Over-The-Air.

Inoltre, i dati delle auto connesse si collegheranno con le future soluzioni di mobilità del Gruppo, come i Purpose Built Vehicles (PBV), l’Advanced Air Mobility (AAM), i robotaxi e i robot. Con la creazione di una nuova piattaforma dati, verranno forniti servizi innovativi attraverso il collegamento e l’elaborazione dei vari dati generati durante tutto il ciclo di vita dell’auto, oltre a promuovere la creazione di un ecosistema aperto in collaborazione con diversi settori, tra cui logistica e strutture ricettive.

Integrazione hardware-software

“Trasformando tutti i veicoli in Software Defined Vehicles entro il 2025, Hyundai ridefinirà completamente il concetto di automobile e assumerà un ruolo guida nell’introdurre un’era di mobilità mai sperimentata prima – dice Chung Kook Park, Presidente e Head of Divisione R&S, Hyundai Motor Group -. La creazione di veicoli visionari, dotati della capacità di evolversi attraverso il software, consentirà ai clienti di mantenere i propri veicoli aggiornati con le ultime funzionalità e tecnologie anche molto tempo dopo l’acquisto”.

Cosa permette il Software Defined Vehicle

I clienti potranno aggiornare da remoto le performance e le funzionalità dei loro veicoli ovunque e in qualsiasi momento, senza bisogno di portarli a un centro di assistenza. Inoltre, poiché il veicolo potrà essere costantemente aggiornato, anche il suo valore residuo sarà migliorato. Il Gruppo ha introdotto questo servizio nel 2021 e dal 2023 lo estenderà su diversi modelli in quelle regioni del mercato globale in grado di ricevere già i Connected Car Services.

Il prossimo anno il Gruppo introdurrà anche il servizio Feature on Demand che darà ai clienti la possibilità di selezionare e acquistare funzioni e caratteristiche adatte ai loro gusti e alle loro necessità, con la libertà di creare un’auto in sintonia con il loro stile di vita.

Il software per veicoli costantemente aggiornabile rafforzerà la capacità di Hyundai Motor Group di garantire flussi di entrate diversi e stabili fornendo nuove caratteristiche e funzionalità ai veicoli e sfruttando dati selezionati per offrire servizi personalizzati per ciascun cliente. La redditività del Gruppo sarà inoltre migliorata riducendo sia i tempi di sviluppo dei modelli sia i costi attraverso la standardizzazione della piattaforma.

“Nel 2025, Hyundai Motor Group presenterà veicoli con due tipi di piattaforma: eM, una piattaforma dedicata ai veicoli elettrici per passeggeri, ed eS, una piattaforma esclusiva per i Purpose Built Vehicles – spiega Paul Choo, Executive Vice President, Head of Electronics & Infotainment Development Center di Hyundai Motor Group -. Queste nuove piattaforme si stanno evolvendo nell’ambito dell’Integrated Modular Architecture di Hyundai Motor Group, che porterà a un’ulteriore standardizzazione e modularizzazione dei componenti principali dei veicoli elettrici, come batterie e motori, offrendo vantaggi in settori anche oltre ai veicoli elettrici”.

La collaborazione con Nvidia

Per raccogliere ed elaborare in modo efficiente la grande quantità di informazioni generate dalle auto connesse, sono necessari semiconduttori ad alte prestazioni. Per questo motivo, il Gruppo sta lavorando con Nvidia per lo sviluppo di un ccOS ottimizzato su Nvidia Drive, semiconduttore di elaborazione delle informazioni ad alte prestazioni che consente l’elaborazione di dati su larga scala a un ritmo ultraveloce.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4