Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

I nuovi chip Intel nelle smart tv Telecom

I Core di seconda generazione disponibili dal prossimo autunno. Non solo pc e telefoni: il business si estende a domotica e automotive. Il Ceo Otellini: “Siamo pronti per il computer pervasivo”

14 Set 2010

All’indomani delle mega acquisizioni di Intel (la divisione
wireless della tedesca Infineon e McAfee) l’azienda di Santa
Clara presenta, nel corso dell'Intel Developer Forum, la nuova
famiglia di processori Core di seconda generazione per notebook e
pc la cui produzione inizierà nel corso dell'anno e annunciato
che saranno resi disponibili dal prossimo autunno prodotti per le
Smart TV D-Link, Google, Logitech, Sony e Telecom Italia.

“Il nuovo mercato per il computing pervasivo – ha detto Paul
Otellini, Ceo di Intel – offre nuove sfide progettuali, ma allo
stesso tempo opportunità per il settore high-tech”. Queste
tendenze includono la proliferazione di miliardi di dispositivi
sempre più intelligenti e collegati a Internet, tra cui pc,
telefoni e autoveicoli.

L'esigenza degli utenti, ora, è quella di passare – senza
soluzione di continuità – da un dispositivo all'altro per
mantenere i contatti con gli amici, ottenere informazioni e
accedere ai servizi di intrattenimento. Secondo Otellini le persone
“sceglieranno il dispositivo che offre la migliore esperienza per
uno specifico utilizzo previsto, senza privilegiarne uno in
particolare”.

Per favorire questa trasformazione Intel ha deciso di estendere la
progettazione di chip, le tecniche di produzione e le competenze
nel software per offrire piattaforme hardware e software più
complete e servizi correlati che assicurino prestazioni con
efficienza energetica, sicurezza e connettività Internet tramite
una vasta gamma di dispositivi.

L'azienda svilupperà prodotti che vanno da pc e server a
elevate prestazioni a un'ampia varietà di altri dispositivi
“intelligenti” tramite i quali è – o sarà presto – possibile
collegarsi a Internet.

Nel corso dell’ultimo anno la società ha effettuato acquisizioni
per circa 10 miliardi di dollari USA, a partire da Wind River, con
l'obiettivo di ampliare le proprie possibilità anche al di
fuori del settore tradizionale dei pc. Otellini ha affermato che,
grazie alle recenti acquisizioni della divisione Wireless Solutions
Business di Infineon e di McAfee, Intel sarà maggiormente in grado
di fornire prodotti che offrano un'ampia scelta di connessioni
wireless e misure più efficaci per contrastare gli attacchi sempre
più sofisticati alla sicurezza che si verificano in una vasta
gamma di dispositivi collegati a Internet.