Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

COMMESSA DA 115 MLN DI $

Ibm da record: maxi appalto con la Ue per 6.100 server

L’azienda americana e il business partner Bechtle si sono aggiudicati un appalto biennale da 115 milioni di dollari, il maggiore mai assegnato dalla Commissione europea in ambito server

16 Dic 2013

Patrizia Licata

Ibm e il suo business partner Bechtle si sono aggiudicate il più cospicuo contratto che la Commissione europea abbia mai assegnato relativamente alla fornitura di server e servizi correlati: le due società forniranno infatti server System x e Flex Systems per un valore di 115 milioni di dollari.

In base al contratto siglato con la Commissione europea, Ibm e Bechtle al momento hanno già fornito più di 2,6 milioni di dollari in sistemi e servizi e prevedono, nel corso della durata dell’accordo, di consegnare alle istituzioni e alle agenzie della Comissione nei 27 Paesi-membro più di 6.100 server e servizi a supporto.

Il processo di bidding per il contratto è stato gestito da Digit, la Direzione generale dell’Informatica (It Directorate General) della Commissione, ed è stato disegnato in modo da creare un quadro di riferimento per l’acquisizione di server x86 con associati attrezzature, manutenzione, aggiornamenti e servizi professionali. I concorrenti di Ibm per questo contratto sono stati Hewlett Packard, Dell, Fujitsu e Bull.

“Il fatto che l’Ue ci abbia assegnato un contratto di queste dimensioni e valore dimostra che la nostra offerta di server e servizi può dare un importante contributo agli obiettivi europei in ambito tecnologico, economico e anche di relazioni internazionali”, ha commentato Harry Van Dorenmalen, presidente di Ibm Europe. “I nostri server System x e Flex Systems offrono la migliore combinazione di efficienza, prestazioni, flessibilità e economicità nel nostro settore”.

Il contratto è “trans-instituzionale”, il che vuol dire che la maggior parte degli altri enti dell’Ue useranno lo stesso quadro di riferimento tracciato da Digit per comprare i loro server x86 nei prossimi anni. Tra quest enti vi sono il Parlamento europeo, la Corte di giustizia europea in Lussemburgo e l’Europol. Il contratto è valido per due anni con la possibilità di essere esteso fino a quattro anni. All’interno del contratto, sono stati resi disponibili più di 45.000 giorni-uomo per ulteriori “servizi professionali”, che saranno forniti in stretta collaborazione con alcuni service provider specializzati.

Bechtle, Premier business partner di Ibm, configura e prepara i server nella sua sede centrale di Neckarsulm, in Germania, e sostituisce il precedente fornitore, legato a server Hp.

Il contratto copre una vasta gamma di nodi di elaborazione di Ibm Flex Systems e di configurazioni dei server Ibm System x rack con relativa manutenzione, installazione e servizi professionali. Questo permette a Ibm di fornire piattaforme altamente affidabili e flessibili che si possono scalare velocemente, facilmente e a basso costo e si adattano alle esigenze della singola istituzione o agenzia che le implementa.

Articolo 1 di 3