Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INIZIATIVA

Ibm porta in tavola la pasta “certificata” con la blockchain

Il prodotto “Aliveris” del Gruppo Grigi sbarca sulla piattaforma Food Trust di Big Blue: informazioni chiare e trasparenti su tutta la filiera, dalla produzione alla vendita

11 Nov 2019

Il Gruppo Grigi aderisce a Ibm Food Trust e porta in tavola la pasta certificata Blockchain. Il prodotto coivolto è la pasta Aliveris ottenuta da grano biologico 100% italiano con Germe di Soia Bio e trafilatura al bronzo.

Ibm Food Trust è stata scelta dal Gruppo perché è l’unica piattaforma del suo genere a connettere l’intero ecosistema di produttori, fornitori, rivenditori lungo tutta la filiera alimentare, creando un sistema più intelligente, sicuro e sostenibile.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito di un accordo di collaborazione tra Ibm e Gruppo Grigi, divisione agroalimentare, che punta ad utilizzare la tecnologia blockchain, basata su Ibm Cloud, a cominciare dalla tracciabilità della pasta biologica brevettata con il marchio Aliveris, per poi essere esteso anche ad altri prodotti del gruppo umbro.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con un Business Partner Ibm di Perugia, Sas Informatica, che si occuperà di mettere a disposizione della piattaforma i dati del prodotto e dell’intero processo di produzione. La rete Blockchain è permissioned, ossia vi è un controllo preciso su chi è autorizzato ad accedere alle varie informazioni registrate sulla blockchain.

I consumatori potranno reperire informazioni sulla storia del prodotto, ma solo chi autorizzato potrà aggiungere e controllare le informazioni, in base al proprio ruolo nella filiera. Ciò permetterà di assegnare in modo chiaro ed immutabile le responsabilità di quanto verrà inserito e di gestire qualunque evento in tempo reale.

Verrà quindi validata l’intera catena di approvvigionamento e di distribuzione, dall’origine delle sementi di grano duro biologico da colture controllate agli agricoltori selezionati, dalle caratteristiche dei luoghi di conservazione alle attività di trasporto fino al consumatore finale. Entro la fine dell’anno, i grandi distributori che già fanno parte dell’IBM Food Trust, come ad esempio Carrefour o Walmart, avranno quindi a disposizione preziose informazioni per poter scegliere una pasta biologica certificata e sicura da proporre ai propri consumatori.

Lo scopo della piattaforma Ibm Food Trust in campo alimentare, infatti, è quello di offrire la massima trasparenza e fiducia ai consumatori finali che, grazie a questo tipo di certificazione, potranno avere maggiori garanzie sulla qualità del prodotto che acquistano.

La tecnologia blockchain applicata al settore alimentare introduce, di fatto, molti vantaggi tra cui quello di garantire la freschezza degli alimenti, tenendo sotto controllo i tempi di stoccaggio, eliminando le possibilità di frodi ed errori, oltre a ridurre gli sprechi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

G
gruppo grigi
I
ibm

Approfondimenti

B
Blockchain

Articolo 1 di 4