Identità digitale, InfoCert punta sulla Germania: asse con Authada - CorCom

INNOVAZIONE

Identità digitale, InfoCert punta sulla Germania: asse con Authada

L’accordo strategico prevede un aumento di capitale con la possibilità, per la società di Tinexta, di arrivare al controllo del 100% del gruppo tedesco dopo il 2022

22 Set 2020

Domenico Aliperto

Tinexta annuncia la firma di un accordo strategico tra la sua controllata InfoCert, la principale Certification Authority a livello europeo, e Authada, Digital Identity Provider con sede a Darmstadt in Germania. L’accordo sottoscritto definisce i termini di una collaborazione tra le due società che include la distribuzione – per il mercato tedesco – delle principali soluzioni digitali Enterprise di InfoCert e la loro integrazione con la soluzione avanzata di identificazione eID di Authada.

La valenza strategica dell’accordo con Authada

Il gruppo tedesco è attivo nei mercati della finanza, delle telecomunicazioni e del betting – con clienti noti quali Vodafone, Comdirect (Commerzbank Group) e Sparkassenfinanzgruppe – e si sta attualmente espandendo nel settore assicurativo, nell’e-commerce e nell’e-Health. Authada è stata finanziata da FinLab, società di venture capital quotata in borsa, e Main Incubator, early stage investor nonché società di Ricerca e Sviluppo di Commerzbank Group.

Certificata dal Bsi (Bundesamt für Sicherheit in der Informationstechnik, cioè l’Ufficio federale tedesco per la Sicurezza delle Informazioni), l’app di Authada è l’unica tecnologia di proprietà privata autorizzata a leggere istantaneamente i dati memorizzati sulle carte d’identità elettroniche tedesche. Tali carte, già utilizzate da oltre il 90% della popolazione in Germania, arriveranno alla completa copertura nazionale entro la fine del 2020.

“Questa partnership strategica con Authada ha un eccezionale potenziale di crescita con significativi vantaggi reciproci nel prossimo triennio”, commenta in una nota l’Amministratore Delegato di Tinexta, Pier Andrea Chevallard. “Il mercato tedesco è fondamentale per i nostri piani di espansione del business nel Digital Trust. Inoltre, gli asset tecnologici di Authada arricchiranno notevolmente l’offerta di Tinexta e consentiranno l’espansione commerciale in tutta Europa”.

QUIZ
Partecipa al Quiz per scoprire quanto sei produttivo nel tuo smart working
Digital Transformation
Smart working

Danilo Cattaneo, Amministratore Delegato di InfoCert, sottolinea: “L’ingresso di Authada nel Gruppo Tinexta rappresenta un altro importante passo per l’espansione della presenza di InfoCert nell’area strategica Dach. L’operazione siglata oggi ci consentirà, inoltre, di offrire – in tutti i 20 Paesi in cui siamo già presenti – una serie più ampia di capacità tecnologiche innovative che miglioreranno ulteriormente la sicurezza dei servizi digitali offerti. Grazie a questo accordo con Authada rafforziamo ulteriormente la creazione del Campione Europeo dei servizi di Digital Trust, per gestire, nel pieno rispetto delle normative europee, i dati sensibili di cittadini, aziende e istituzioni”.

I termini dell’accordo

L’accordo strategico ha stabilito l’impegno degli attuali azionisti di Authada in un aumento di capitale. InfoCert partecipa come investitore principale a questo aumento di capitale con un congruo investimento a sette cifre in cambio di una partecipazione del 16,7% sotto forma di azioni speciali che garantiscono alcuni diritti di prelazione. Infine, a InfoCert sono state assegnate call option esercitabili a seguito dell’approvazione dei risultati 2021 e 2022 e che consentiranno di arrivare al controllo del 100% di Authada, al verificarsi di determinate condizioni di performance. Verrà costituito un Advisory Board, composto da rappresentanti del management di Authada, FinLab e InfoCert, che si riuniranno periodicamente per esaminare e approvare tutte le principali decisioni all’interno di Authada.

Il Ceo e Co-Fondatore di Authada, Andreas Plies, chiosa: “Siamo lieti della partnership con InfoCert e dei vantaggi strategici che ne derivano. Questo ci permette di combinare le soluzioni, altamente innovative e tecnologicamente più avanzate, di entrambe le aziende e creare così un’offerta di servizi unica per il mercato nazionale e internazionale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5