Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il 2009 l’anno dei Saas Cresceranno del 21,9%

11 Mag 2009

In 2009 sarà l’anno del software as a service (SaaS). Stando a
una ricerca di Gartner, infatti, il mercato raggiungerà quota
9,6 miliardi di dollari nel 2009 ,con un incremento del 21,9%
rispetto al 2008. Il mercato continuerà a crescere fino la 2013
quando i revenues si attesteranno sui 16 miliardi di euro. 

"L'adozione di SaaS continua a crescere in un contesto
economico dove il rigore dei bilanci è d’obbligo – spiega
 Sharon Mertz, research director di Gartner -. L’adozione di
questo modello è cresciuta  da dieci anni a questa parte,ma la
sua popolarità è aumentata significativamente negli ultimi
cinque anni, quando i tempi di risposta sulla disponibilità del
servizio sono diventati più stretti”. La sua diffusione è
maggiore in quelle aree produttive dove è forte la presenza di
applicazioni orizzontali, di gruppi di lavoro virtuale e di
iniziative Web 2.0.  

Per i Saas il mercato in maggiore crescita è quello delle suite
per uffici e i Digital content creation (Dcc). Nel primo caso
Gartner prevede che il mercato si attesti sui 512 milioni di
dollari a fronte dei 136 registrati nel 2008. Nei Dcc, invece, si
stimano 126 milioni di dollari (erano 70 nel 2008). Crescita meno
forte nei Ccc (Content communication collaboration) che
genereranno nel 2009 2,5 miliardi di dollari contro i 2,16
registrati nel 2009.

 

Negli Erp (Enterpirse resource planning) i Saas rappresenteranno
solo l1% ma più del 18% negli Hcm (Human resource management)
con un previsione di arrivare al 30% nel 2013.  
 

"Tra i fattori che spingono all’utilizzo dei Saas ci sono
i minori investimenti di capitale e i Roi più rapidi –
puntualizza Mertz – Inoltre le aziende sono portate a migrare
verso questa modalità perchè svicola dalla dipendenza da
fornitori esterni per il back up, la manutenzione e la
continuità del servizio”.