Il ban di Londra non ferma Uber, via all'accordo con Nissan - CorCom

AUTO ELETTRICHE

Il ban di Londra non ferma Uber, via all’accordo con Nissan

Si punta a introdurre 2mila modelli Leaf nella flotta aziendale destinata al servizio britannico. Intanto parte il ricorso contro l’espulsione dalla capitale Uk

27 Gen 2020

Antonio Dini

Uber ha un piano: entro il 2025 tutte le auto che svolgeranno il servizio dell’azienda a Londra saranno elettriche. Per arrivare a questo obiettivo l’azienda intanto ha siglato un accordo con Nissan per introdurre nella sua flotta duemila piccole berline completamente elettriche, le Nissan Leaf.  Intanto, però, Uber deve anche risolvere un altro, più pressante problema prima di poter diventare “tutta elettrica” a Londra, e cioè poter svolgere ancora il servizio nella città che ne ha invece deciso l’espulsione pochi mesi fa. Per questo l’azienda sta facendo appello ai regolatori per poter ottenere di nuovo la licenza.

Uber aveva annunciato nel 2018 che avrebbe aumentato di 15 penny al miglio ogni viaggio per consentire ai suoi driver di comprare auto elettriche. Da allora l’azienda è riuscita così ad accumulare 80 milioni di sterline (94,87 milioni di euro) e si aspetta di poter accumulare in totale 200 milioni di sterline (237 milioni di euro) entro il 2025. Da quando è stato introdotta la clean air charge i viaggi prenotati su auto elettriche sono aumentati del 350%.
L’accordo con Nissan arriva dunque in un momento critico per l’azienda, che è stata bloccata dalla Transport for London, il regolatore della capitale. Uber ha fatto appello e le è permesso di continuare a operare finché l’appello è pendente in tribunale.

La strategia di Uber per rendere elettrici tutti i veicoli della sua flotta coincide con la strategia del sindaco di Londra, Sadiq Khan, che ha fatto dell’aria pulita una delle priorità del suo mandato. Khan ha introdotto una tassa di 12,50 sterline al giorno (14,8 euro) per gli automobilisti che guidano automobili a benzina o diesel nella area centrale chiamata “ultra low emission zone”.
La scelta da parte di Uber della Nissan Leaf è dettata dal rapporto costo-opportunità. L’automobile (pensata per un uso cittadino con 170 chilometri di autonomia effettiva) è comunque molto venduta, con più di 450mila veicoli consegnati nel mondo sino a oggi. Il prezzo di entrata per il modello base in Gran Bretagna è di 26.435 sterline (31.347 euro) dai quali si può scontare l’incentivo governativo di 3.500 sterline (4.150 euro). È probabile che nell’accordo con Uber sia prevista anche una scontistica consistente.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

N
Nissan
U
Uber

Approfondimenti

A
auto elettrica
G
gig economy

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link