L'OPERAZIONE

Il blitz notturno di Tinexta: prende il controllo di Corvallis, Yoroi e Swascan

Investimento iniziale di 47,8 milioni di euro per l’acquisizione di quote di maggioranza nelle tre aziende, che diventeranno il nucleo operativo di una business unit guidata da Marco Comastri. Nasce un nuovo polo nazionale di servizi di identità digitale e sicurezza digitale

13 Ott 2020

Domenico Aliperto

Con un’intesa strategica il gruppo Tinexta ha annunciato la scorsa notte l’acquisizione di quote di maggioranza di Corvallis, Yoroi e Swascan con e debutta dunque nel settore della cybersecurity. La società, nel dettaglio, ha assorbito la divisione Progetti e soluzioni di Corvallis, Yoroi e Swascan.

L’investimento iniziale per l’acquisto delle quote di maggioranza delle tre attività è di 47,8 milioni di euro. Ma in totale il progetto prevede investimenti per 104,3 milioni. Le tre aziende costituiscono il nucleo operativo della nuova business unit Cybersecurity di Tinexta, con competenze, risorse specializzate e tecnologie avanzate per cogliere le opportunità nel mercato digitale. La nuova unità, si spiega dall’azienda, sarà dotata della massa critica necessaria per gestire complessi progetti destinati a operatori finanziari e aziende di grandi dimensioni, accanto a soluzioni per le piccole e medie imprese. La responsabilità della nuova Business Unit è affidata a Marco Comastri, già responsabile della funzione Sales & Marketing e Sviluppo Strategico di Tinexta. Il closing delle acquisizioni è atteso all’inizio del 2021, ad eccezione dell’acquisizione della quota di maggioranza di Swascan, che dovrebbe essere perfezionata entro il 2020. Le quote di minoranza del capitale delle tre società potranno essere acquisite da Tinexta nel 2024, sulla base di diritti di opzione put/call.

L’accordo con Corvallis nel dettaglio

Rispetto a Corvallis, Tinexta rileverà una quota di maggioranza, pari al 70%, del ramo d’azienda che si occupa di It e Ricerca e Sviluppo e che pesa per circa 51 milioni di euro sul valore di produzione complessivo dell’azienda padovana, valore che si attesta sui 140 milioni di euro.

La Business Area It e R&D di Corvallis opera attualmente nello sviluppo e nella commercializzazione di prodotti e nell’attività di system integration in particolare per clienti dell’area Finance (Banche e Assicurazioni) e, in quota minore, per il segmento Industry. La gestione del suo business, allineata alle migliori practice internazionali, vanta un modello di formazione basato su una qualificata “Academy”, grazie anche alla collaborazione con l’Università di Padova e l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. L’operazione consentirà di valorizzare le attuali competenze tecnologiche e commerciali della divisione It di Corvallis, che verranno messe in sinergia con quelle di altre società già acquisite o in fase di acquisizione da parte del Gruppo Tinexta. Tra gli obiettivi condivisi dell’operazione vi è anche lo sviluppo di un nuovo polo nazionale di cybersecurity, che permetterà di ampliare il mercato di riferimento delle due società, generando ulteriore valore per i rispettivi clienti.

L’accordo con Corvallis nel dettaglio

Rispetto a Corvallis, Tinexta rileverà una quota di maggioranza, pari al 70%, del ramo d’azienda che si occupa di It e Ricerca e Sviluppo e che pesa per circa 51 milioni di euro sul valore di produzione complessivo dell’azienda padovana, valore che si attesta sui 140 milioni di euro.

WEBINAR - 3 NOVEMBRE
CISO as a Service: perché la tua azienda ha bisogno di un esperto di Cyber Security?
Sicurezza
Cybersecurity

La Business Area It e R&D di Corvallis opera attualmente nello sviluppo e nella commercializzazione di prodotti e nell’attività di system integration in particolare per clienti dell’area Finance (Banche e Assicurazioni) e, in quota minore, per il segmento Industry. La gestione del suo business, allineata alle migliori practice internazionali, vanta un modello di formazione basato su una qualificata “Academy”, grazie anche alla collaborazione con l’Università di Padova e l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. L’operazione consentirà di valorizzare le attuali competenze tecnologiche e commerciali della divisione It di Corvallis, che verranno messe in sinergia con quelle di altre società già acquisite o in fase di acquisizione da parte del Gruppo Tinexta. Tra gli obiettivi condivisi dell’operazione vi è anche lo sviluppo di un nuovo polo nazionale di cybersecurity, che permetterà di ampliare il mercato di riferimento delle due società, generando ulteriore valore per i rispettivi clienti.

L’apporto dell’offerta commerciale di Yoroi

Yoroi, che incorporerà Cybaze e Mediaservice.net, è una realtà in grado di dare risposte all’avanguardia ad aziende e organizzazioni che hanno la necessità di contenere e gestire tutti i rischi cyber, allo scopo di impedire o di ridurre i danni potenzialmente derivanti da un attacco informatico. Il gruppo svolge anche un’intensa attività di ricerca e sviluppo, collaborando con l’Università di Bologna, l’Università La Sapienza di Roma e l’Università del Sannio. Yoroi presenta un’offerta commerciale diversificata che copre l’intera catena del valore della cybersecurity per le grandi aziende, con tecnologie altamente specializzate e con marchi conosciuti come Cybaze, Emaze, Yoroi e @Mediaservice.net.

Le competenze verticali di Swascan

Swascan, con sede a Milano, è una azienda italiana innovativa specializzata in soluzioni di cybersecurity, proprietaria dell’omonima piattaforma in Cloud di Security Testing e di un riconosciuto Cyber Competence Center. La combinazione della piattaforma “SaaS ready to use” e di competenze verticali e altamente specializzate la rendono un punto di riferimento per le piccole e medie imprese per le esigenze di sicurezza informatica e compliance legislativa.

La strategia di Tinexta nel comparto digitale

Il presidente di Tinexta Enrico Salza commenta dicendo che “quella che annunciamo oggi è la più importante operazione effettuata dal nostro Gruppo dalla sua fondazione. Grazie a queste acquisizioni, Tinexta cresce considerevolmente in dimensioni occupando circa 2000 addetti, e fa il suo ingresso in una nuova area di business, la cybersecurity, con competenze e tecnologie che consentiranno di svolgere un ruolo da protagonista del mercato”.

L’amministratore delegato Pier Andrea Chevallard sottolinea che “in un momento di grande incertezza generale, Tinexta decide, con una chiara strategia, di raddoppiare la propria esposizione nel comparto digitale, affiancando alla propria business unit Digital Trust la nuova business unit Cybersecurity, così portando il fatturato del Gruppo legato ad attività digitali a pesare circa il 55% del totale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5