Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il dating online sbarca a Wall Street, Tinder prepara la quotazione

Match Group, che controlla il sito di incontri, punta a racogliere 100 milioni per finanziare lo sviluppo. Ma dopo lo scandalo Ahsley Madison, secondo gli analisti, il primo investimento da fare è sulla sicurezza

19 Ott 2015

F.Me

Tinder prova a sbarcare in Borsa e punta a raccogliere 100 miliondi dollari. La società britannica di dating online, Match Goup, che che fa parte del colosso dei media Iac – che capitalizza 5,9 miliardi di dollari – guidato da Barry Diller aveva annunciato la volontà di scorporare e quotare in Borsa il gruppo che controlla siti come Tinder e a OkCupid già lo scorso giugno.

Diller punta a raccogliere, grazie al collocamento, 100 milioni di dollari, fondamentali per ripianare i debiti e finanziare lo sviluppo di Match che ha chiuso il 2014 con ricavi in salita dell’11% e utili balzati a +17%.

Nel filing consegnato alla Sec, Match ha dichiarato di realizzare quasi la totalità del suo fatturato grazi ai 4,7 milioni di utenti a pagamento attivo in ben 190 paesi.

Il gruppo punta a sbarcare sul Nasdaq, accompagnato da banche del calibro di Jp Morgan. Secondo gli analisti lo scandalo di Ashley Madison, “hackerato” e reso pubblico, e le cause milionarie di risarcimento che seguiranno, anche Match dovrà tenere in conto maggiori investimenti sulla sicurezza. Da valutare anche una sorta di assicurazione, perché i dati dei suoi 4,7 milioni di utenti sono il suo avviamento più prezioso, sempre secondo gli esperti di Wall Street.

Argomenti trattati

Approfondimenti

T
tinder
W
wall street