Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

Il digitale spinge il turismo italiano: in 4 anni i visitatori aumentano di 18 milioni

Secondo l’indagine di Bem Research, cresce l’affluenza turistica nella Penisola, aumenta il gettito e migliora l’offerta digitale grazie a siti web in più lingue e ottimizzati per il mobile

09 Ago 2019

D. A.

Continua il periodo d’oro dell’industria turistica italiana con un flusso annuo di visitatori dall’estero pari a 94 milioni nel 2018. Negli ultimi otto anni l’aumento di turisti è stato di quasi 18 milioni, all’incirca l’intera popolazione dell’Olanda e il merito va ascritto anche a un maggiore e migliore utilizzo degli strumenti digitali.

È quanto emerge dal report e-tourism 2019 “Migliora l’offerta digitale, cresce il turismo” realizzato da Bem Research. Il traguardo dei 100 milioni di turisti dall’estero non è molto distante e un contributo potrebbe giungere anche da un diverso rapporto con il web, generalmente migliorato rispetto allo scorso anno.

Combinando le prestazioni dei siti web con l’approccio ai social network e il grado di apprezzamento sui siti specializzati nel turismo è emerso un minore gap rispetto al quadro europeo.

“Se mettiamo a confronto i dati contenuti nei tre rapporti e-tourism che abbiamo pubblicato in questi anni, vediamo una linea ascendente: cresce l’affluenza turistica, aumenta il gettito e migliora l’offerta digitale grazie a siti web in più lingue e più usabili dai dispositivi mobili”, spiega Mariachiara Marsella, web marketing manager a Bem Research, “Quel che stupisce è ancora l’ampio divario che c’è tra la testa della classifica e la parte bassa. Le evidenze riportate nel Rapporto dimostrano che è possibile migliorare, ma i risultati potrebbero essere ancora più positivi se le best practice venissero prese ad esempio. L’importante è rispondere alle necessità degli utenti, sempre più esigenti, fornendo loro, online, risposte puntuali, veloci e contestualizzate”.

Nella top 3 dei siti storico-artistici statali con le migliori prestazioni online troviamo ancora al primo posto il Museo Egizio, come nella scorsa edizione. In seconda posizione il Cenacolo Vinciano, terzo lo scorso anno. Al terzo posto i Giardini Trauttmansdorff, in quinta posizione nel 2018.

Tra i siti più visitati migliorano nettamente il Colosseo che si piazza al quarto posto (nono nel 2018 e 12esimo nel 2017) e gli scavi di Pompei in quinta posizione (18esimo e 19esimo posto rispettivamente nel 2018 e nel 2017). La Galleria degli Uffizi rimane invece in 10a posizione. Tra i siti considerati chiude la classifica il Museo Archeologico di Venezia, come lo scorso anno. Nel complesso i 20 siti storico-artistici italiani considerati hanno attirato circa 18 milioni di visitatori (+4,3% rispetto al 2017).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5