Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL DISCORSO ALLA PLENARIA

Il neo Presidente del Parlamento Ue David Sassoli: “Rivoluzione digitale ha bisogno di regole”

Riflettori sulla digital transformation: “Necessario coniugare progresso tecnologico, sviluppo delle imprese e tutela del lavoratori e delle persone”

03 Lug 2019

Mila Fiordalisi

Direttore

La rivoluzione digitale sta cambiando in profondità i nostri stili di vita, il nostro modo di produrre e di consumare. Abbiamo bisogno di regole che sappiano coniugare progresso tecnologico, sviluppo delle imprese e tutela del lavoratori e delle persone”: questo uno dei passaggi chiave del discorso in Plenaria a Strasburgo del neo presidente del Parlamento europeo David Sassoli. Eletto con 345 voti al secondo scrutinio il deputato europeo – rieletto nelle liste del Pd (gruppo S&D) a maggio scorso – resterà in carica fino a gennaio del 2022.

“Siamo immersi in trasformazioni epocali: disoccupazione giovanile, migrazioni, cambiamento climatici, rivoluzione digitale, nuovi equilibri mondiali, solo per citarne alcuni, che per essere governate hanno bisogno di nuove idee, del coraggio di saper coniugare grande saggezza e massimo d’audacia”, ha detto Sassoli.

Il neo presidente del Parlamento europeo ha anche evidenziato la necessità di un rilancio “del nostro modello di economia sociale e di mercato”. “Le nostre regole economiche devono saper coniugare crescita, protezione sociale e rispetto dell’ambiente. Dobbiamo dotarci di strumenti adeguati per contrastare le povertà, dare prospettive ai nostri giovani, rilanciare investimenti sostenibili, rafforzare il processo di convergenza tra le nostre regioni e i nostri territori”.

IL DISCORSO IN PLENARIA DI DAVID SASSOLI

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

D
david sassoli

Approfondimenti

P
parlamento europeo
R
rivoluzione digitale

Articolo 1 di 4