INTERNET

Il primo sito web compie 25 anni, lo mise online il Cern

Era il 6 aghosto del 1991: oggi la rete si è popolata fino a ospitare oggi più di un miliardo di siti consultati da 3,5 miliardi di utenti

05 Ago 2016

A.S.

Oggi nel mondo sono attivi più di un miliardo di siti internet, consultati da 3,5 miliardi di utenti. Ma dalla prima volta che un sito andò online sono passati esattamente 25 anni: era il 6 agosto 1991 quando il Cern, centro di ricerca di Ginevra, rese consultabile sul web info.cern.ch. Poco più di due anni prima, nel marzo 1989, l’informatico Tim Berners-Lee aveva depositato un documento con la sua idea della Rete, idea che ha rivoluzionato il modo di vivere, comunicare, l’economia e l’informazione.

Lo scopo di Berners-Lee era creare un sistema per collegare i computer dei centri di ricerca e condividere le informazioni, una specie di database online a cui si potesse accedere da ogni computer. Per questo lavora sugli ipertesti, le pagine testuali legate tra loro da un link, e in questi collegamenti riconosce la base per il web insieme a Robert Caillau, l’informatico belga che lo sostenne. Poi nacque il primo server, sul Next Cube, uno dei computer creati da Steve Jobs dopo l’uscita dalla Apple, e il primo browser, WorldWideWeb.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

Il browser WorldWideWeb è tutt’altro che primitivo: ha una bella interfaccia grafica e consente di scaricare immagini, suoni e filmati. Ma gira solo su Step OS, il sistema operativo della Next, e ha bisogno di un computer molto costosi e quindi non accessibili alla gran parte degli utenti. Che dovranno aspettare l’uscita del browser Mosaic dell’Università dell’Illinois, nel 1993, per iniziare a “navigare”.

Il 30 aprile di quell’anno il Cern rilasciò il codice sorgente del sistema informativo, permettendo a tutti non solo di accedervi ma di costruire browser, client e server. Nel 1995 i siti nel mondo erano meno di 25mila ma già nel 1996 erano cresciuti di 10 volte, per poi toccare il primo milione nel 1999. Tra il 2011 e il 2012 il boom, quando il numero dei siti è passati da circa 350mila a quasi 700mila siti, mentre l’asticella del miliardo è stata superata nel 2014, secondo le rilevazioni di Internet Live Stats, che ora segna quasi 1 miliardo e 61 milioni di siti e circa 3,5 miliardi di utenti attivi. Uno sviluppo esponenziale, quello degli ultimi anni, spinto dalla diffusione dei social network e dei dispositivi mobili.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cern
I
internet
T
tim berners lee