Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

DIGITAL ECONOMY

Il Regno Unito si tiene strette le startup, sul piatto 400 milioni

Il governo di Londra annuncia un contributo al venture capital finalizzato a far crescere “la Google o Facebook del futuro” ed evitare che gruppi esteri si comprino le innovazioni hi-tech made in Uk

24 Nov 2016

Patrizia Licata

Non solo investimenti in banda larga: il Cancelliere dello Scacchiere britannico Philip Hammond vuole anche fare di più per trattenere in Regno Unito le migliori start-up dell’hitech.

Quattrocento milioni di sterline è quanto il governo è pronto a mettere sul tavolo per evitare che le star nascenti dell’economia digitale siano facilmente acquisite da gruppi esteri, ha annunciato Hammond nel tradizionale Autumn Statement, l’aggiornamento del budget pubblico: la somma verrà messa a disposizione come fondo di ventura tramite la British Business Bank e, secondo Hammond, sarà usata per liberare 1 miliardo di sterline di nuovi capitali per le aziende che muovono i primi passi.

A inizio anno, la telco giapponese Softbank ha acquisito Arm, la società che progetta chip e ha sede in Grab Bretagna, per 28,8 miliardi di sterline. Arm non è una start-up, ma l’operazione ha suonato come un campanello d’allarme alle autorità britanniche: il Regno Unito non vuole rischiare di perdere le sue tech companies più preziose.

“Non riusciremo mai a far crescere qui la prossima Google o Facebook: ogni volta che le migliori aziende tecnologiche cominciano a farsi grandi, ecco che qualcuno da fuori se le compra”, aveva detto a luglio l’ex segretario allo sviluppo e innovazione Vince Cable.

Il Cancelliere Hammond ha a suo tempo lodato l’operazione SoftbankArm definendola un voto di fiducia dato dal colosso giapponese all’eccellenza hitech e al sistema imprenditoriale britannico; tuttavia nell’Autumn Statement Hammond ha cambiato tono, visto che al Parlamento ha detto di voler prendere di petto “l’annoso problema” di aziende hitech che nascono e si sviluppano in Gran Bretagna e vengono poi acquisite da colossi industriali senza riuscire a diventare grandi con le proprie forze.

Qualche commentatore osserva che la strategia del governo potrebbe non essere efficace: molte start-up falliscono comunque e i fondi a disposizione potrebbero non essere sufficienti. Inoltre, i venture capitalists non sono di solito investitori di lungo termine e una rapida vendita dell’azienda in cui hanno investito è parte della loro naturale exit strategy. L’idea del governo è però non certo di evitare queste vendite ma far sì che sia più facile che a comprare sia un gruppo britannico e non straniero.

Nell’Autumn Statement Hammond ha annunciato anche uno stanziamento di più di 1,1 miliardi di sterline per la banda ultralarga e il 5G: Londra creerà un fondo da 400 milioni di sterline per le infrastrutture digitali e assegnerà 740 milioni di sterline agli enti locali per il finanziamento dei trail del 5G e la realizzazione di infrastrutture ancillari, compresa un’ulteriore diffusione della fibra ottica.

Articolo 1 di 5