Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PROGETTO

Il supercomputer Hpe “sbarca” sulla Luna

Sviluppato in collaborazione con la Nasa, Aitken supporterà le prossime missioni eseguendo simulazioni per consentire atterraggi accurati e sicuri

02 Set 2019

F. Me.

Il supercomputer “sbarca” sulla Luna. Hpe ha progettato un nuovo supercomputer per la Nasa con l’obiettivo di supportare il potenziamento delle prossime missioni, in particolare quelle previste nella regione lunare del Polo Sud, entro il 2024. Il nuovo supercomputer, chiamato Aitken, eseguirà simulazioni complesse per la modellazione e simulazione dell’ingresso, la discesa e l’atterraggio sulla Luna.

Aitken è il risultato di una collaborazione quadriennale attualmente in fase di sviluppo tra Hpe e il Centro Ricerche Ames della Nasa ed eseguirà simulazioni a 3,69 petaFlops in termini di prestazioni teoriche di picco, per consentire atterraggi accurati e sicuri sulla Luna. Il supercomputer si basa sul sistema Hpe Sgi 8600, comprendente speciali capacità di raffreddamento a liquido per un’efficienza energetica ottimale.

Risiederà nella nuova struttura modulare di supercalcolo della Nasa Ames, caratterizzata da un approccio Modular Data Center (Mdc) sviluppato congiuntamente con Hpe. Infine Aitken è altamente efficiente dal punto di vista energetico e sostituirà la necessità di una torre di raffreddamento e l’utilizzo di milioni di litri d’acqua.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

H
hpe

Approfondimenti

L
luna
S
supercomputer

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2